Il gestore della discoteca Old Fashion di Milano, Roberto Cominardi (LaPresse)
in foto: Il gestore della discoteca Old Fashion di Milano, Roberto Cominardi (LaPresse)

Il provvedimento era nell'aria e adesso è arrivato. Il questore di Milano Marcello Cardona ha sospeso per 30 giorni la licenza alla discoteca Old Fashion, noto locale notturno milanese in zona Triennale. La decisione del questore è stata presa in relazione al grave episodio di violenza avvenuto davanti al locale notturno all'alba di domenica, quando Niccolò Bettarini, figlio 19enne di Simona Ventura e Stefano Bettarini, è stato aggredito a coltellate da un gruppo di persone. Per l'episodio sono stati fermati quattro giovani, due italiani e due albanesi, che devono rispondere dell'accusa di tentato omicidio. Subito dopo l'episodio sulla pagina Facebook della discoteca era apparso un messaggio di solidarietà a Niccolò: "La proprietà di Old Fashion e il suo staff sono vicini a Niccolò e alla Sua famiglia riguardo i gravi fatti avvenuti all'uscita dal locale Sabato notte e gli augurano una pronta e veloce guarigione – aveva scritto il gestore del locale, Roberto Cominardi – Siamo lieti che i responsabili di questa aggressione siano già stati assicurati alla Giustizia. Fatti come questo non dovrebbero accadere mai". A nulla però è valso sia il messaggio sia le precisazioni che Cominardi aveva fatto agli investigatori: il gestore aveva sottolineato come l'aggressione fosse avvenuta all'esterno del locale (davanti a un chiosco di panini che si trova poco lontano dall'ingresso), anche se in realtà un primo diverbio tra il gruppo di aggressori e un amico di Bettarini, che il 19enne ha cercato di difendere rimanendo ferito, sarebbe avvenuto all'interno del locale, proprio all'inizio della serata finita poi nel sangue. Fortunatamente le condizioni di Bettarini junior non sono gravi: il ragazzo è stato operato in mattinata all'ospedale Niguarda e l'intervento, come ha spiegato anche la madre, Simona Ventura, è perfettamente riuscito.