53 CONDIVISIONI
Aggressione a Niccolò Bettarini, figlio di Simona Ventura

Niccolò Bettarini accoltellato all’Old Fashion: la discoteca di Milano potrebbe chiudere

Il questore di Milano, Marcello Cardona, potrebbe chiudere per alcuni giorni l’Old Fashion, nota discoteca di Milano davanti alla quale è stato accoltellato Niccolò Bettarini, figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini. Intanto uno dei quattro fermati per l’aggressione, un ragazzo di 20 anni ritenuto vicino alla curva dell’Inter e al movimento di estrema destra Lealtà e azione (che ha però smentito), ha negato ogni accusa: i quattro fermati sono accusati di tentato omicidio.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Francesco Loiacono
53 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Aggressione a Niccolò Bettarini, figlio di Simona Ventura

In attesa di ulteriori sviluppi giudiziari, la vicenda dell'accoltellamento di Niccolò Bettarini, figlio 19enne di Simona Ventura e Stefano Bettarini, potrebbe avere ripercussioni sugli amanti della vita notturna milanese. La discoteca Old fashion, noto locale all'esterno del quale è avvenuta l'aggressione della scorsa notte, potrebbe infatti venire chiusa dalla questura per alcuni giorni. Nella nota con la quale, da via Fatebenefratelli, è stato comunicato il fermo dei quattro sospettati per l'accoltellamento, è scritto: "Sono in corso gli accertamenti di natura amministrativa per un provvedimento del questore riguardante il locale". Significa che, come avvenuto in passato per altri locali milanesi, il questore Luigi Cardona potrebbe decidere di chiudere per alcuni giorni (da una settimana fino a un mese) la discoteca tramite un'ordinanza per motivi di ordine pubblico, come previsto dal Testo unico della legge di pubblica sicurezza: un destino che quest'anno ha già riguardato oltre cento locali a Milano e nell'hinterland.

Uno dei fermati è un ragazzo vicino alla curva dell'Inter: ha respinto le accuse

Il provvedimento potrebbe arrivare perché, a dispetto di quanto comunicato dal titolare della discoteca in un primo momento, la lite da cui, successivamente, sarebbe scaturito l'accoltellamento (avvenuto davanti a un chiosco di panini fuori dal locale) sarebbe scoppiata all'interno della discoteca, proprio all'inizio della serata. Nel frattempo, mentre migliorano le condizioni di Niccolò Bettarini –  "Stai migliorando, grazie a Dio… Sei stato coraggioso e ti voglio bene e anche di più", ha scritto la madre, Simona Ventura, su Twitter – uno dei quattro fermati per il suo accoltellamento avrebbe respinto ogni accusa. Si tratta di un ragazzo di circa 20 anni, legato alla curva dell'Inter e ritenuto vicino a da ambienti di estrema destra. L'associazione Lealtà e azione, a cui il giovane era stato accostato, ha però smentito categoricamente: "L'associazione culturale Lealtà Azione diffida chiunque stia cercando di legare il nome e l'onorabilità dell'associazione rispetto a fatti di cronaca verificatisi in questi giorni, riservandosi di agire tramite i propri legali nelle opportune sedi giudiziari verso strumentalizzazioni meramente diffamatorie", ha scritto in una nota. Gli altri fermati sono un altro ragazzo italiano e due albanesi: per tutti loro l'accusa è di tentato omicidio.

53 CONDIVISIONI
Aggressione a Niccolò Bettarini, aggressori condannati definitivamente a otto e sei anni di carcere
Aggressione a Niccolò Bettarini, aggressori condannati definitivamente a otto e sei anni di carcere
Aggressione Niccolò Bettarini, le motivazioni dell'Appello: "Chi lo ha accoltellato voleva ucciderlo"
Aggressione Niccolò Bettarini, le motivazioni dell'Appello: "Chi lo ha accoltellato voleva ucciderlo"
"Volevano uccidere Niccolò Bettarini": processo d'appello conferma le condanne, ridotte due pene
"Volevano uccidere Niccolò Bettarini": processo d'appello conferma le condanne, ridotte due pene
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni