243 CONDIVISIONI
Elezioni regionali Lombardia 2018

Elezioni Regionali Lombardia, Gori: “Vinceremo, anche se di poco”

Il candidato del Partito Democratico lancia la sfida al centro-destra. E Renzi avverte: “Non sottovalutatelo, avete visto com’è finita a Bergamo..”
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Giuseppe Cozzolino
243 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni regionali Lombardia 2018

Il Partito Democratico "lancia" la sfida per arrivare alla Regione Lombardia. L'ultima "vittoria" in un'elezione da parte del centro-sinistra risale al dicembre 1992, quando venne eletta l'ex-sindacalista Fiorella Ghilardotti, che rimase in carica solo due anni perché poi eletta nel 1994 al Parlamento Europeo. Da allora, i trionfi del centro-destra con Roberto Formigoni (in carica dal 1995 al 2013) e Lega Nord con Roberto Maroni, attuale presidente in carica dal 2013.

Per il centro-sinistra il candidato è Giorgio Gori, già sindaco di Bergamo in carica nonché giornalista ed imprenditore: ha fondato infatti la casa di produzione televisiva Magnolia, ed in passato è stato ex-direttore di Canale 5 e di Italia 1. E che si dice sicuro di vincere, anche senza l'appoggio di Liberi e Uguali che sosterrà invece un proprio candidato, Onorio Rosati. "Sarà una partita molto combattuta", ha spiegato Gori, "ma che vinceremo, anche se di poco. Dopo ventitré anni abbiamo la possibilità di cambiare le cose: ogni cittadino nella sua dimensione quotidiana può essere decisivo per spostare l'ago della bilancia, ed è per questo tutti hanno grande responsabilità", ha concluso Gori.

Ottimista anche Matteo Renzi, che "avverte" quelli che considera i suoi principali avversari: "Lo dico al centro-destra, occhio a sottovalutare Giorgio Gori. Lo avete già fatto a Bergamo ed avete visto com'è andata a finire", ha ironizzato l'ex-premier, in riferimento alle elezioni comunali bergamasche del 2014, quando Gori ottenne quasi 30mila preferenze al primo turno (45,50%), contro le 26mila scarse (42,18%) del sindaco uscente Franco Tentorio, sostenuto dal centro-destra, per poi vincere ai ballottaggi con il 53,5% dei consensi.

243 CONDIVISIONI
35 contenuti su questa storia
Che cos'è il Controllo del Vicinato e perché c'entra con il boom della Lega in Lombardia
Che cos'è il Controllo del Vicinato e perché c'entra con il boom della Lega in Lombardia
"Salvini, fuori dai cogl...": insulti in un mercato di Milano. E lui: "Rosiconi"
"Salvini, fuori dai cogl...": insulti in un mercato di Milano. E lui: "Rosiconi"
Elezioni regionali Lombardia 2018: le ragioni del trionfo di Attilio Fontana e della Lega
Elezioni regionali Lombardia 2018: le ragioni del trionfo di Attilio Fontana e della Lega
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni