150 CONDIVISIONI
Frecciarossa deragliato a Lodi

Treno deragliato, il racconto di Federico: “Potevamo morire tutti”

Il racconto di Federico, ragazzo di 23 anni di Monza, che lo scorso 6 febbraio si trovava sul treno Frecciarossa 9595 che è deragliato nei pressi della stazione di Lodi, provocando la morte dei due macchinisti Giuseppe Cicciù e Mario Dicuonzo: “Potevamo morire tutti” ha detto Federico, che ha raccontato quegli attimi a Fanpage.it.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Valerio Papadia
150 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Frecciarossa deragliato a Lodi

Federico si trovava sul treno Frecciarossa 9595, partito da Milano e diretto a Salerno, che mercoledì 6 febbraio è deragliato nei pressi della stazione di Ospedaletto Lodigiano, in provincia di Lodi, provocando la morte dei due macchinisti, Giuseppe Cicciù e Mario Dicuonzo, e il ferimento di 31 persone. A Fanpage.it, Federico, che aveva preso un Frecciarossa per la prima volta per raggiungere Roma, ha raccontato gli attimi terribili dell'incidente: "Alle 5.15 siamo partiti da Milano. Poi, alle 5.35, il treno è deragliato. In pochi secondi la carrozza nella quale mi trovava ha cominciato a muoversi: poi dai finestrini sono entrati sassi, ho visto i sedili ribaltarsi e le persone in preda al panico".

Federico, ancora scosso, prosegue il suo racconto: "Ho sentito un forte rumore venire dal davanti del treno e ho iniziato a urlare per svegliare i due ragazzi vicino a me che si erano addormentati. In pochi secondi, ci siamo aggrappati ai sedili per evitare di andare a sbattere contro qualcosa. Poi un grosso polverone si è alzato e dopo buio totale. Non sapevamo se il treno fosse ancora dritto, se si fosse ribaltato, se ci trovassimo ancora sui binari". Sul tempo in cui è durata tutta la tragedia, Federico risponde: "È stato così veloce che è difficile da quantificare quanto sia durato tutto. Quando ha tutta quella adrenalina e tutta quella paura, ti aggrappi soltanto al sedile e speri che andrà tutto bene".

Quando sono riusciti ad uscire dal treno, e sul posto sono arrivati i primi soccorsi, i sopravvissuti, tra cui Federico, sono stati aiutati a radunarsi per far sì che i soccorritori potessero constatare le loro condizioni di salute. "Sono ancora incredulo che sono riuscito ad uscire vivo da quel treno" conclude Federico.

150 CONDIVISIONI
60 contenuti su questa storia
Due operai condannati a 3 anni per il deragliamento del Frecciarossa a Lodi: scagionati i vertici
Due operai condannati a 3 anni per il deragliamento del Frecciarossa a Lodi: scagionati i vertici
Frecciarossa deragliato a Lodi, chiesto il processo per 14 indagati: stralciata la posizione di Rfi
Frecciarossa deragliato a Lodi, chiesto il processo per 14 indagati: stralciata la posizione di Rfi
Treno deragliato, da oggi riaperta la linea Alta velocità Milano-Bologna: traffico regolare
Treno deragliato, da oggi riaperta la linea Alta velocità Milano-Bologna: traffico regolare
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni