12 Maggio 2017
18:44

Strage al tribunale di Milano, assolta la guardia giurata che fece passare il killer

Il tribunale di Brescia ha assolto Roberto Piazza dall’accusa di omicidio plurimo colposo. Piazza era una delle guardie giurate in servizio al tribunale di Milano il 9 aprile del 2015, giorno in cui Claudio Giardiello uccise a colpi di pistola tre persone nel palazzo di giustizia milanese. Il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a tre anni.
A cura di Francesco Loiacono
I controlli al tribunale di Milano (Archivio LaPresse)
I controlli al tribunale di Milano (Archivio LaPresse)

È stato assolto dal tribunale di Brescia Roberto Piazza, la guardia giurata in servizio al tribunale di Milano il 9 aprile 2015, giorno della strage compiuta da Claudio Giardiello. Piazza, che era imputato per omicidio plurimo colposo, era uno degli addetti ai controlli di sicurezza presenti all'ingresso di via San Barnaba, quello da cui entrò il killer. Secondo il pubblico ministero Isabella Samek Lodovici la guardia giurata non avrebbe fatto tutti i controlli di sicurezza necessari, consentendo così a Giardiello di introdurre la pistola con la quale uccise tre persone. Il pm aveva chiesto per la guardia giurata una condanna a tre anni, ma la richiesta è stata respinta dai giudici, che hanno assolto la guardia giurata. Si dovrà adesso attendere per conoscere le motivazioni della sentenza.

La guardia giurata era accusata di omicidio plurimo colposo

Nella strage del tribunale di Milano, per la quale Giardiello è stato condannato all'ergastolo, morirono Giorgio Erba, coimputato del killer in un processo per bancarotta fraudolenta, l'avvocato Lorenzo Claris Appiani e il magistrato Fernando Ciampi. Altre due persone rimasero ferite. Subito dopo la strage erano scoppiate le polemiche sui controlli di sicurezza all'interno del palazzo di giustizia. Si era parlato di metal detector non funzionanti, ma l'indiscrezione era stata smentita dall'allora procuratore capo della Repubblica Edmondo Bruti Liberati. Tre vigilantes erano poi stati iscritti nel registro degli indagati, ma solo Piazza è finito a processo: oggi l'assoluzione.

Caso Eitan, inizia l'udienza per l'affidamento. La zia: "Mi manca mio nipote, voglio vederlo a casa"
Caso Eitan, inizia l'udienza per l'affidamento. La zia: "Mi manca mio nipote, voglio vederlo a casa"
Elezioni Milano, Sala: "Evento storico, la destra è forte finché non la guardi da vicino"
Elezioni Milano, Sala: "Evento storico, la destra è forte finché non la guardi da vicino"
Beppe Sala stravince le elezioni meno "sentite" dai milanesi
Beppe Sala stravince le elezioni meno "sentite" dai milanesi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni