Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

I livelli di Pm10 presenti nell'aria non accennano a diminuire. Dopo quattro giorni in cui è stata superata la soglia di polveri sottili, anche per tutti i comuni sopra i 30mila abitanti delle province di Monza e Cremona scattano le misure anti smog di primo livello, dopo che la settimana scorsa nel capoluogo brianzolo erano state revocate, con stop ai diesel fino a Euro 4.

A partire dalla giornata di domani, martedì 14 gennaio le misure verranno reintrodotte, in linea con quanto avvenuto in gran parte della Lombardia. La decisione è stata presa dopo sei giorni consecutivi con valori di Pm10 sopra il limite a Monza, mentre a Cremona, che vive una delle situazioni peggiore di tutta la regione, è da quattro giorni che vengono superate le soglie minime consentite.

Milano: le misure anti inquinamento restano ancora attive

Da una quindicina di giorni l'aria di Milano è stabilmente oltre i 50 microgrammi/metrocubo di Pm10. Per questa ragione restano in vigore le misure che impongono lo stop alla circolazione di tutti i veicoli Diesel Euro 4. Le misure temporanee di primo livello ripristinate anche nelle province di Monza e Cremona stabiliscono anche: l'obbligo di  spegnimento dei motori in sosta,  la limitazione del riscaldamento domestico all'uso di generatori a biomassa legnosa di classe inferiore alle 2 stelle, la riduzione di un grado delle temperature nelle abitazioni, il divieto di spandimento di liquami zootecnici e il divieto assoluto di combustioni all'aperto relative all'accensione di fuochi, falò, barbecue e fuochi d’artificio. Il monitoraggio dei livelli di inquinamento da parte dell'agenzia regionale a tutela dell'ambiente (Arpa Lombardia) è costante.