Non ce l'ha fatta Rudi Asiatico, il carpentiere di 44 anni caduto dal tetto di una casa a Varedo, in provincia di Monza e Brianza. L'uomo è morto questa mattina all'ospedale San Gerardo di Monza, dove era ricoverato. Il grave incidente sul lavoro si era verificato ieri mattina in un'abitazione privata in via Fontana: il 44enne stava effettuando dei lavori di ristrutturazione quando, per cause da accertare, è precipitato da un'altezza di circa sei metri. Rudi Asiatico era stato trasportato d'urgenza all'ospedale San Gerardo, dove era stato ricoverato con prognosi riservata per i gravi traumi riportati nella caduta. Questa mattina, alle 9, è sopraggiunta la morte cerebrale: al termine delle sei ore di monitoraggio la famiglia dell'uomo ha dato la propria autorizzazione per l'espianto degli organi del proprio caro, che potranno servire ad aiutare altre persone.

L'operaio è il 61esimo morto sul lavoro in Lombardia dall'inizio dell'anno

Rudi Asiatico era residente a Sant'Omobono Terme, piccolo comune della Valle Imagna in provincia di Bergamo, dove viveva assieme alla moglie, con la quale si era sposato da pochi anni. Il cantiere in cui è avvenuto l'infortunio mortale è stato sequestrato dall'autorità giudiziaria che dovrà accertare l'esatta dinamica dei fatti. Il decesso dell'operaio 44enne è il sessantunesimo sul lavoro in Lombardia dall'inizio dell'anno: un bollettino di guerra che evidenzia come la sicurezza sul lavoro sia, o almeno debba essere, la priorità per le istituzioni e le amministrazioni locali.