(Immagine d’archivio)
in foto: (Immagine d’archivio)

Vile aggressione in Darsena, a Milano, ai danni di un uomo di 55 anni, venditore ambulante di rose. Attorno alle 2 della notte tra sabato e domenica il 55enne è stato gettato in acqua da due ragazzi, poi fuggiti. Non sono chiari i motivi del gesto: sull'episodio indagano gli agenti della questura di Milano, che anche grazie alle immagini delle numerose telecamere di sorveglianza presenti nella zona potrebbero presto riuscire a risalire ai due responsabili.

Nessuna conseguenza per il venditore: sul caso indaga la polizia

L'episodio è accaduto sul lato della Darsena che si affaccia su viale Gabriele D'Annunzio, sul passeggio pedonale del vecchio "porto di Milano" che da anni è meta della movida dei giovani, adesso ritornata praticamente ai livelli pre-Covid. È lì che il venditore di rose e i due giovani si sono incontrati: non è chiaro se fra i tre vi sia stato qualche diverbio, fatto sta che l'uomo è stato gettato in acqua dai due ragazzi che poi si sono dati alla fuga. Fortunatamente per il 55enne non ci sono state conseguenze: l'uomo è stato aiutato e soccorso da un equipaggio del 118 e dai vigili del fuoco. Sul posto è anche arrivata un'ambulanza, ma il venditore non ha voluto essere accompagnato in ospedale.

Venditori di rose aggrediti: i precedenti

Non è la prima volta, purtroppo, che i venditori di rose diventano il bersaglio di immotivata violenza. Accadde nel febbraio del 2016, quando un giovane bangladese di 20 anni venne pestato con calci e pugni da alcuni ragazzi in viale Bligny, finendo in codice rosso in ospedale. E accadde anche nel maggio del 2018 in una discoteca che si trova in via Padova: in quel caso ad aggredire il venditore, un 51enne, fu un ragazzo di 21 anni originario dell'Est Europa e irregolare in Italia. Il giovane colpì la vittima con un pugno in faccia, facendogli perdere conoscenza e facendolo finire in codice giallo in ospedale: l'aggressore venne arrestato.