Dorin, travolto e ucciso giovedì mattina a Milano (Foto Facebook)
in foto: Dorin, travolto e ucciso giovedì mattina a Milano (Foto Facebook)

Da giovedì mattina era in fuga, dopo aver travolto e ucciso a bordo della sua auto il 28enne Dorin Ispas. Venerdì sera però la fuga del pirata della strada di via Rombon a Milano si è conclusa: l'automobilista si è infatti costituito in una caserma dei carabinieri. A rivelarlo è il quotidiano "Il Giorno" che spiega come il pirata della strada sia in queste ore sotto interrogatorio da parte dei militari dell'Arma per chiarire quanto avvenuto. Una delle domande a cui l'uomo dovrà rispondere è sicuramente perché sia fuggito senza prestare soccorso e soprattutto perché abbia aspettato così tanto a costituirsi. Probabile che il pirata avesse capito di avere ormai le ore contate: oggi i carabinieri, su autorizzazione dell'autorità giudiziaria, avevano diffuso una foto della sua auto, un'Alfa grigia, alla ricerca di informazioni.

Il pirata della strada dovrà rispondere di omicidio stradale e omissione di soccorso

L'automobilista pirata dovrà adesso rispondere con ogni probabilità di omicidio stradale e omissione di soccorso, anche se ancora non è stata formalizzata alcuna accusa. Fatto sta che i parenti e gli amici del 28enne Dorin Ispas, ragazzo di origine romena impiegato alla Bayer di Segrate, potranno ottenere giustizia, per quanto questo possa servire in una tragedia del genere. Dorin è stato investito proprio mentre, come ogni giorno, si stava recando al lavoro in sella alla sua bicicletta. L'impatto è stato violentissimo: il ragazzo è stato scaraventato a decine di metri dal luogo dell'incidente, in un cantiere stradale, mentre la sua bici è andata completamente distrutta.