Quando il quartiere Isola, a Milano, si è trovato sott'acqua nella notte tra venerdì 23 e sabato 24 agosto, i residenti hanno temuto si trattasse dell'ennesima esondazione del fiume Seveso, che in queste ore è sotto monitoraggio a causa del rischio di temporali e nubifragi su gran parte della Lombardia. A provocare la fuoriuscita dell'acqua, invece, è stato invece un guasto a una conduttura. L'allagamento ha coinvolto via Arese, via Lario, piazzale Segrino e anche un tratto di viale Zara.

Isola, allagamento nella notte: non è il Seveso, ma una tubatura rotta

Tante le segnalazioni dei residenti all'amministrazione comunale e le immagini pubblicate sui social network. Vedendo le strada invase dall'acqua, gli abitanti della zona hanno immediatamente pensato a una nuova esondazione del Seveso, dopo le molte avvenute in passato, l'ultima nel mese di giugno. Una volta chiarita la natura del guasto alla tubatura idraulica, la zona è stata chiusa per permettere l'intervento delle squadre di Mm e per la pulizia delle vie coinvolte.

Resta comunque attivo il monitoraggio fino alla serata di domenica 25 agosto sia per il Seveso che per il fiume Lambro per il rischio di temporali forti anche sul nodo idraulico di Milano.

Seveso, prosegue l'iter per le vasche di laminazione contro le piene

Prosegue intanto l'iter per la realizzazione delle vasche di laminazione che serviranno a contenere le piene del Seveso, da realizzare nel Comune di Senago, nell'hinterland di Milano. La gara – indetta da AIPo in qualità di stazione appaltante e responsabile del progetto e dell'iter delle procedure d'appalto – è stata aggiudicata all'A.T.I. fra il Consorzio Costruttori Infrastrutture di Sant'Angelo Lodigiano (Lodi) e la ditta Impresa Luigi Notari di Milano. "L’avvio dei lavori di questa vasca di laminazione – ha spiegato Marco Granelli, assessore alla Mobilità e Lavori Pubblici – insieme con la gara di appalto della vasca di Milano ‘Parco Nord’, già attivata negli scorsi giorni dal Comune attraverso Mm, completa una prima serie di opere a protezione dei quartieri della città spesso colpiti dalle esondazioni del Seveso".