Giornata di lutto cittadino a Cologno Monzese per i funerali del macchinista Giuseppe Cicciù, morto a 52 anni nell'incidente del Frecciarossa deragliato giovedì 6 febbraio a Ospedaletto Lodigiano. Le esequie del ferroviere si sono tenute nella parrocchia di San Giuseppe. La bara è arrivata in chiesa trasportata sulle spalle dei colleghi ferrovieri ed è stata accolta tra gli applausi. È in lutto anche la città di Reggio Calabria, da dove proveniva il ferroviere, residente da tempo nel comune lombardo. Parenti, colleghi e amici si sono stretti attorno alla moglie Paola e al figlio Luca. Presenti alle esequie anche i vertici del gruppo Fs italiane, di Rfi e Trenitalia. Alla cerimonia partecipano anche il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e il ministro dei Trasporti, Paola De Micheli.

Applausi e commozione per i funerali del ferroviere Giuseppe Cicciù

Sulla bara è stata posata la maglia granata della Reggina assieme a fiori rossi e bianchi. Presente anche l'associazione delle vittime della strage ferroviaria di Viareggio del 29 giugno 2009. Forte la commozione tra le persone presenti. Un uomo all'arrivo della salma si è sentito male ed è stato soccorso dagli operatori del 118.

Lutto cittadino a Cologno Monzese

Il primo cittadino di Cologno Monzese, Angelo Rocchi, ha proclamato il lutto cittadino "disponendo la sospensione di tutte le manifestazioni pubbliche e l'esposizione delle bandiere a mezz'asta". Oltre a questo il sindaco ha chiesto di osservare alle 15.30 un minuto di silenzio "per far sentire la vicinanza della città alla famiglia e agli amici di Giuseppe" e "ai commercianti che vorranno aderire, la simbolica chiusura delle attività per qualche minuto". Cicciù era un macchinista molto esperto, si era occupato di sicurezza sul lavoro ed era stato rappresentante sindacale Rsu. "Era una persona attenta, scrupolosa e puntuale", ha raccontato a Fanpage.it il segretario generale Fit Cisl, Salvatore Pellecchia. Lascia la moglie e il figlio.