Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Gravissimo incidente nella sera di venerdì 28 giugno sulla Tangenziale Nord di Milano, all'altezza di Nova Milanese. Un'auto, guidata da un uomo poi risultato ubriaco, ha urtato un furgone che a sua volta ha travolto una moto sulla quale si trovavano due ragazzi. Uno dei due è rimasto schiacciato dal mezzo ed è morto sul colpo: l'altro, trasportato in ospedale in codice rosso in ospedale, è deceduto poco dopo il ricovero. Le vittime sono Nicolò Moraschini e Federico Vasile, entrambi 26enni. Il pesantissimo bilancio è dovuto a una manovra imprudente da parte dell'automobilista, che era alla guida di un Suv. Stando alle prime ricostruzioni il conducente della vettura, un 45enne, avrebbe urtato il furgone in fase di sorpasso colpendolo sulla fiancata. L'urto ha fatto perdere il controllo al conducente del furgone, che a sua volta avrebbe urtato la motocicletta, una Harley Davidson, agganciandola e trascinandola per diversi metri. Uno dei due motociclisti è morto sul colpo schiacciato dal furgone. L'altro è stato soccorso dal 118 e trasportato in elicottero all'ospedale San Carlo, dove purtroppo è deceduto poco dopo il suo arrivo. Soccorso anche il conducente del suv, trasportato in codice verde all'ospedale San Gerardo di Monza con ferite lievi. Le analisi hanno evidenziato che stava guidando con un tasso alcolemico di 2,5 grammi per litro rispetto allo 0,5 consentito. Al momento si trova piantonato in ospedale: non appena sarà dimesso verrà arrestato con l'accusa di omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza. Nella sua auto è stata trovata una bottiglia di superalcolici, vuota: il simbolo dell'ennesima tragedia sulle strade che poteva essere evitata.

L'incidente è avvenuto attorno alle 22

L'incidente, stando a quanto riporta l'Azienda regionale emergenza urgenza, è avvenuto attorno alle 22 nel tratto della Tangenziale Nord compreso tra gli svincoli per le strade provinciali per Nova Milanese e Cinisello Balsamo. Sul posto l'Areu ha inviato in codice rosso due ambulanze, un'automedica e un elicottero. Il dispiegamento di mezzi non è purtroppo servito a salvare la vita ai due motociclisti. A indagare sull'esatta dinamica di quanto accaduto è la polizia stradale di Arcore.