212 CONDIVISIONI
18 Maggio 2020
16:34

Charlotte, uccisa dal compagno a Pozzo d’Adda: condannato a 23 anni Carmelo Fiore

La Corte d’Assise di Milano ha condannato a 23 anni di reclusione Carmelo Fiore, 46enne accusato di aver ucciso la sua compagna Charlotte Akassi Yapi a Pozzo d’Adda, nel Milanese, nel settembre dello scorso anno. Fiore aveva confessato di aver strangolato la compagna dopo un litigio perché lei lo aveva deriso: dopo il delitto si era ferito con un coltello, inscenando un tentativo di suicidio.
A cura di Francesco Loiacono
212 CONDIVISIONI
La vittima Charlotte Akasso
La vittima Charlotte Akasso

Ventitré anni di carcere: questa la condanna inflitta a Carmelo Fiore, 46 anni, accusato di aver ucciso la sua compagna Charlotte Akassi Yapi a Pozzo d'Adda, nel Milanese, nel settembre dello scorso anno. La sentenza è stata pronunciata dalla Corte d'Assise di Milano, presieduta da Ilio Mannucci Pacini, al termine del processo di primo grado celebratosi a porte chiuse per via dell'epidemia di Covid-19. La pena inflitta è leggermente superiore a quanto aveva chiesto l'accusa: il pubblico ministero Maura Ripamonti questa mattina aveva chiesto nella sua requisitoria di condannare a 22 anni di reclusione Fiore, giudicando equivalenti le attenuanti generiche e le aggravanti dei futili motivi e del vincolo affettivo. Per il 46enne è stata disposta anche l'interdizione perpetua (che scatterà solo quando la condanna diventerà definitiva), tre anni di libertà vigilata una volta che avrà scontato la pena e una provvisionale di 290mila euro in totale per i due figli, l'ex marito e i famigliari di Charlotte.

L'omicidio nel settembre 2019: Charlotte è stata strangolata

La 26enne Charlotte venne strangolata dal compagno il 24 settembre dello scorso anno nella casa in via Taviani a Pozzo d'Adda, dove i due convivevano. Dopo averla uccisa Fiore si era ferito con un coltello al petto, secondo l'accusa per inscenare un tentativo di suicidio che non era andato a buon fine. L'uomo aveva confessato di aver ucciso la 26enne al culmine dell'ennesimo litigio, perché lei lo avrebbe deriso. Il rapporto tra i due, entrambi con due figli nati da precedenti relazioni, era a quanto pare burrascoso: già un anno prima del delitto la ragazza aveva prima denunciato e poi ritirato la querela contro il compagno, e soltanto pochi giorni prima del femminicidio i carabinieri erano intervenuti nuovamente nell'abitazione della coppia, sempre per un litigio che però non aveva portato ad alcuna denuncia.

Il padre della vittima: Pena troppo bassa

Dopo la sentenza il padre di Charlotte ha giudicato "troppo bassa" la pena. A pesare nel giudizio dei giudici potrebbe essere stato il fatto che Fiore ha versato subito 10mila euro a ciascuno dei due figli della vittima come acconto risarcitorio, oltre al suo comportamento durante il processo. Per l'avvocato dell'imputato, Andrea Benzi, la valutazione della Corte d'Assise è stata "rigorosa e prudente": solo dopo le motivazioni si saprà se il legale intende fare ricorso. "Dobbiamo rispettare la decisione della Corte – hanno invece affermato i legali dei familiari, Antonio Cozza e Maria Fufaro, che sottolineano come a loro parere – non ci fosse il margine per concedere l'equivalenza delle attenuanti alle aggravanti".

212 CONDIVISIONI
Romina Vento, venerdì il funerale della donna annegata nell'Adda dal compagno
Romina Vento, venerdì il funerale della donna annegata nell'Adda dal compagno
Picchia la figlia di 3 anni tanto da incrinarle le costole: madre condannata a oltre un anno di carcere
Picchia la figlia di 3 anni tanto da incrinarle le costole: madre condannata a oltre un anno di carcere
Ragazzo di 18 anni travolto e ucciso da un treno: disposta l'autopsia
Ragazzo di 18 anni travolto e ucciso da un treno: disposta l'autopsia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni