L'hanno trovata senza vita negli uffici del municipio di Zandobbio, in provincia di Bergamo, dove lavorava da oltre vent'anni all'ufficio tecnico. Potrebbe essere stata uccisa con un paio di forbici Bruna Calegari, 59 anni, sposata e madre di quattro figli. Il suo corpo è stato rinvenuto attorno alle 14 di ieri, giovedì 31 ottobre, con ferite al collo e al torace. Inutile l'intervento dei soccorritori.

Trovata senza vita, accanto al corpo un paio di forbici

Sull'accaduto indagano i carabinieri di Trescore Balneario, che stanno cercando di accertare le cause del decesso. Le indagini sono coordinate dal maresciallo Roberto Crocco. Stando al racconto dei colleghi presenti negli uffici del comune, pare che circa un'ora prima del tragico ritrovamento, attorno alle 13, qualcuno avesse sentito un tonfo, ma senza preoccuparsi troppo. Solo in seguito il responsabile dell’ufficio è arrivato nella stanza dove si trovava Bruna e ha trovato il cadavere insanguinato, con accanto un paio forbici. Rimane in piedi l'ipotesi di un drammatico incidente, ma non è escluso l'omicidio.

Le indagini dei carabinieri e la comunità sotto choc

I militari intanto hanno sentito diverse persone, tra cui anche la sindaca Mariangela Antonioli. I dipendenti dell'amministrazione e l'intera comunità sono intanto sotto choc. Tra i mille dubbi emerge il timore che davvero qualcuno abbia ucciso la 59enne. Con un interrogativo: chi avrebbe potuto voler fare del male a una persona definita da tutti tranquilla e devota al lavoro? Sarà l'autopsia, programmata per martedì all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo a dare risposte.