Ha accompagnato la fidanzata a casa, dopo una notte trascorsa in discoteca, ma Angelo Bonelli, di soli 21 anni, a casa sua non ci è mai arrivato, vittima di un incidente stradale che ha posto fine alla sua giovane vita. La comunità di Vobarno è in lutto per la morte del 21enne: nella notte tra mercoledì e giovedì, Angelo, come detto, aveva appena accompagnato la fidanzata a casa, a Serle quando, per cause ancora in corso di accertamento, la sua automobile, un'Alfa Romeo Mito, è finita in un canale, nella seriola di Capeneda, piombando in acqua: il tettuccio è rimasto schiacciato dal fondo del canale e l'automobile, con le ruote per aria, è stata trascinata dalla corrente.

I genitori, preoccupati dalla sua assenza, hanno lanciato l'allarme già durante la notte, quando hanno cominciato a cercare il giovane insieme ad altri parenti. Soltanto nel pomeriggio di ieri, giovedì 25 aprile, la famiglia del 21enne si è rivolta ai carabinieri, che hanno cominciato le ricerche. I militari dell'Arma hanno visionato le immagini delle telecamere di sorveglianza della zona e hanno notato l'auto del giovane, rinvenendo poi pezzi della carrozzeria dell'auto in prossimità del canale. Soltanto quando il canale è stato svuotato è stata individuata l'auto di Angelo: il suo corpo, ormai privo di vita, era intrappolato all'interno dell'abitacolo. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Brescia e di Salò, che hanno recuperato il cadavere del giovane soltanto nella tarda serata di ieri. Ancora in corso di accertamento le cause dell'incidente nel quale ha purtroppo perso la vita il 21enne.