Gli agenti della Squadra Mobile hanno rintracciato e arrestato l'uomo che la sabato notte a Varese ha accoltellato una 15enne al volto, sfregiandola. Secondo le informazioni apprese si tratta di un cinquantenne del posto, ora accusato di tentato omicidio. I poliziotti lo hanno fermato nel pomeriggio di oggi, martedì 15 ottobre. Le manette sono scattate nell'ambito delle indagini durante le quali gli agenti hanno passato al vaglio le immagini riprese dalle telecamere poste in zona, che hanno individuato il responsabile e condotto i poliziotti presso la sua abitazione. A seguito della perquisizione gli agenti hanno trovato la bicicletta, le scarpe e i guanti descritti dalla ragazza vittima dell'aggressione. A fornire l'identikit dell'uomo sono state la giovane aggredita e l'amica che al momento dell'accaduto si trovava con lei: entrambe avevano descritto un uomo sui 50 anni, italiano, dai capelli lunghi e brizzolati e con una cicatrice sul volto.

L'aggressione

Era circa la mezzanotte e le due adolescenti stavano aspettando che le venisse a prendere la madre della più giovane davanti agli Uffici Postali nella centrale via Francesco del Cairo quando il 50enne, uno sconosciuto, si è avvicinato a loro in sella alla sua bicicletta. Secondo quanto raccontato dalle ragazze, l'uomo le ha superate per poi tornare di nuovo indietro, minacciando di volerle uccidere. La quattordicenne è riuscita a scappare in tempo e a chiamare i soccorsi, mentre la quindicenne è stata raggiunta da un coltello al volto. Soccorsa e trasportata in ospedale, i medici l'hanno medicata con diversi punti di sutura, le ferite sono gravi e potrebbero lasciarle dei segni permanenti.