La comunità della Valcamonica è in lutto per la morte di Sandro Farisoglio, che si è spento nella notte, a 39 anni: da circa due anni, lottava contro un brutto male. Farisoglio era estremamente conosciuto e benvoluto, dal momento che era il presidente della Comunità montana di Valle Camonica. Un lungo impegno sociale e politico quello del 39enne: dal 2009 al 2019, per due mandati dunque, era stato sindaco della sua città natale, Breno, nella provincia di Brescia, nella quale viveva ancora. Sandro Farisoglio lascia una moglie e una figlia nata da pochi mesi: tutta la comunità della Valcamonica si è stretta intorno al dolore della famiglia e degli amici del 39enne.

Ecco come Sandro Farisoglio si presentava sulla sua pagina ufficiale su Facebook: "Sono nato nel 1980 a Breno, dove attualmente risiedo. Dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza, scelgo di abilitarmi alla professione di Consulente del lavoro. Mi piace correre ed allenarmi all'aria aperta, partecipo a manifestazioni sportive del settore a livello dilettantistico. Pratico enduro e sono Vigile del fuoco volontario. Quando posso, viaggio.Dal 2006 al 2009 ricopro l'incarico di vicepresidente della Proloco di Breno, associazione atta a promuovere il turismo e la cultura, oltre ad organizzare manifestazioni di rilievo per il comune stesso. Da dicembre 2007 sono un Vigile del fuoco volontario, operativo presso il Distaccamento di Breno, Comando provinciale dei Vigili del fuoco di Brescia.Nel 2009 mi candido alle elezioni amministrative del Comune di Breno per l'elezione diretta del Sindaco e del consiglio comunale con una lista civica. Vengo eletto e successivamente riconfermato in secondo mandato nel 2014".