(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Macabro ritrovamento nel pomeriggio di oggi a Lodi, in via del Contarico. Il cadavere di un uomo di circa 44 anni è stato trovato nelle acque di una roggia in una zona periferica della cittadina, non molto distante dal fiume Adda. La vittima sarebbe un clochard che da circa dieci anni viveva nella zona, senza fissa dimora e sopravvivendo grazie a espedienti. A segnalare la presenza del corpo in acqua è stato un muratore che stava lavorando vicino al luogo del ritrovamento, in zona Revellino. I soccorsi, stando a quanto riporta l'Azienda regionale emergenza urgenza, sono stati allertati pochi minuti prima delle 14: quando il personale di un'automedica è giunto sul posto però per il 44enne non c'era ormai più niente da fare.

Nessuna ipotesi è esclusa

L'uomo è stato ritrovato con i vestiti addosso: la sua morte, stando ai primi accertamenti delle forze dell'ordine, potrebbe risalire ad alcuni giorni fa. Sulle cause del decesso nessuno si sbilancia: tutte le ipotesi sono aperte, tra cui anche quella di un decesso per cause naturali dovuto al freddo o a un malore. Sulla vicenda indagano i poliziotti della questura di Lodi: non è ancora chiaro se sulla salma verrà disposta l'autopsia.