Il micro auricolare scoperto dai carabinieri
in foto: Il micro auricolare scoperto dai carabinieri

Ha cercato di imbrogliare all'esame della patente presso una motorizzazione di Varese, grazie a un micro auricolare nascosto. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile del capoluogo hanno sorpreso e denunciato 52enne italiano di origini egiziane mentre utilizzava un sofisticato apparecchio elettronico. L'uomo, infatti, era seduto in modo innaturale e scomodo durante lo svolgimento dell'esame, il suo comportamento ha attirato l'attenzione degli addetti alla vigilanza della motorizzazione e dei carabinieri, che si sono insospettiti. Così hanno deciso di chiedergli spiegazioni e hanno scoperto che nascondeva qualcosa. Infatti, la postura assunta serviva per permettere alla videocamera di riprendere le domande del test.

Truffa della patente

L'uomo aveva addosso il micro auricolare, grazie a due telefoni cellulari collegati in remoto con una postazione esterna, secondo le informazioni ricevute dai carabinieri, riusciva a rimanere in contatto costante con un complice suggeritore, che da casa gli avrebbe dettato le risposte ai quesiti. Le indagini sono ancora in corso per risalire e identificare il compagno di truffa. Nelle tasche dell’uomo, infatti, i militari hanno trovato 2500 euro, e hanno ipotizzato fosse il prezzo da pagare in cambio delle risposte esatte per assicurarsi il superamento dell’esame senza studiare.