Tragico incidente in montagna: morto Maurizio Bruschi, professore dell'università Bicocca

Maurizio Bruschi
in foto: Maurizio Bruschi

È morto in un tragico incidente in montagna Maurizio Bruschi, 49 anni, docente universitario di Chimica all'Università Bicocca di Milano. È precipitato sabato mattina mentre scalava il Monte Legnone, nel Lecchese.

Incidente sul monte Legnone: morto Maurizio Bruschi, docente dell'Università Bicocca

Il professore, residente a Novara, nella giornata di sabato 15 febbraio si trovava in località Cà de Legn, nel territorio di Pagnona. Stava effettuando un'escursione insieme a un compagno, con l'obiettivo di raggiungere la vetta del Legnone. Durante l'ascesa, però, qualcosa è andato storto. Il 49enne ha perso la presa sulla catena di sicurezza ed è precipitato nel vuoto per oltre cento metri, non ha avuto scampo. L'amico che l'ha visto cadere ha dato subito l'allarme. Sul posto è intervenuto il soccorso alpino con un elicottero decollato dalla base di Caiolo, in provincia di Sondrio.

In supporto è giunta anche una squadra di quattro tecnici della stazione di Valsassina-Valvarrone della XIX Lariana del Soccorso Alpino. Il corpo è stato recuperato nel pomeriggio in un dirupo. Trasportata nella camera mortuaria dell'ospedale di Lecco, la salma è stata poi messa a disposizione dell'autorità giudiziaria che dovrà dare il nulla osta per il funerale.

Originario del Milanese, viveva da tempo a Novara

Bruschi era originario del Milanese, ma si era trasferito da tempo a Novara, dove viveva con la moglie e il figlio. Dopo la laurea in Chimica industriale alla Statale di Milano nel 1996, aveva svolto il dottorato al Politecnico federale di Zurigo, in Svizzera. In seguito aveva lavorato all'istituto Mario Negri di Milano. Dal 2000 era entrato alla Bicocca, prima come ricercatore e poi come professore associato. Era un grande appassionato di montagna.