foto di repertorio
in foto: foto di repertorio

Ancora una tragedia sul lavoro in Lombardia. Un uomo di 32 anni, di professione operaio, è morto questa mattina in un'azienda agricola di Maccastorna, in provincia di Lodi. Il giovane operaio si chiamava Joachim Bauer ed era un cittadino austriaco: l'uomo è precipitato in una grossa cisterna piena di liquami utilizzata per la produzione di biogas mentre stava effettuando alcuni lavori all'impianto. L'incidente si è verificato poco prima delle 9, come riporta l'Azienda regionale emergenza urgenza. Sul posto, l'azienda Biancardi che si trova in via Rocca, sono intervenute un'automedica e un'ambulanza del 118 oltre ai vigili del fuoco di Lodi. Purtroppo per l'operaio non c'era ormai più niente da fare: il 32enne è morto probabilmente nel giro di pochi minuti dopo essere caduto nel vascone. Per recuperare la salma è stato necessario l'intervento dei pompieri, che stanno svuotando completamente la vasca di biogas: le operazioni dovrebbero terminare in serata. Spetterà poi ai carabinieri e agli ispettori dell'Agenzia per la tutela della salute accertare l'esatta dinamica dell'accaduto: stando a quanto ricostruito finora la vittima stava sostituendo il telo che si trova sopra al vascone di biogas e, tra i vari aspetti della vicenda da capire, c'è anche quello relativo al rispetto delle norme di sicurezza previste durante questi interventi.

In Lombardia oltre 60 morti sul lavoro da inizio anno

Le morti sul lavoro sono una piaga che colpisce duramente soprattutto la Lombardia. In regione dall'inizio dell'anno si sono contati oltre 60 decessi sul luogo di lavoro o durante gli spostamenti per raggiungere aziende e uffici. Lo scorso 17 luglio, meno di dieci giorni fa, un carpentiere originario del Bergamasco, Rudi Asiatico, era morto cadendo dal tetto di un'abitazione a Varedo, in provincia di Monza e Brianza. In totale dall'inizio dell'anno in Lombardia si sono verificati circa 50mila infortuni sui luoghi di lavoro: un'emergenza che non si riesce a tamponare.