Una vera e propria tragedia quella che ha colpito una coppia di fidanzati che stava trascorrendo la notte di Capodanno in una casa in montagna a Valdisotto, nella provincia di Sondrio. Denis Romedi, studente universitario di 21 anni, è purtroppo deceduto probabilmente a causa delle esalazioni di monossido di carbonio provenienti dalla stufa utilizzata per riscaldare l'abitazione, mentre la fidanzata, anche lei 21enne, è ricoverata in gravissime condizioni in ospedale. A lanciare l'allarme è stato il padre di Denis che, dopo aver cercato invano di contattare il figlio, si è recato nella casa di montagna, scoprendo i corpi dei due fidanzatini a letto, entrambi privi di sensi.

Anche la fidanzata ricoverata in gravi condizioni

Immediato l'arrivo del 118 e dei vigili del fuoco: per Denis Romedi, però, non c'era più niente da fare. La fidanzata è invece stata trasportata, con l'eliambulanza, all'ospedale Morelli di Sondrio, dove versa in gravissime condizioni di salute. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della compagnia di Tirano e il magistrato di turno, che ha disposto il sequestro dell'abitazione e l'autopsia sul corpo di Denis che, nella prossime ore, chiarirà le effettive cause della morte.