15 Giugno 2020
14:24

Statua di Montanelli vandalizzata, condanna della politica: martedì il presidio di “Non una di meno”

Martedì alle 18.30 è stato organizzato un presidio da parte delle attiviste di Non Una di Meno all’esterno di Palazzo Marino a Milano per chiedere a “per dire che lo stupro e la pedofilia non sono errori ma crimini contro la persona e contro l’umanità”. Intanto continua la condanna da parte del mondo politico mentre il sindaco Sala interviene nuovamente sulla richiesta di rimozione della statua da parte dei Sentinelli di Milano e sull’atto vandalico di sabato sera: “Attenzione a revisionismo senza fine”.
A cura di Chiara Ammendola
La statua di Indro Montanelli coperta dal comune di Milano dopo l’atto vandalico
La statua di Indro Montanelli coperta dal comune di Milano dopo l’atto vandalico

Non si fermano le polemiche a due giorni dall'atto vandalico nei confronti della statua di Indro Montanelli a Milano imbrattata di vernice e deturpata con la scritta "Stupratore assassino" dagli attivisti del Lume e della Rete Studenti che ne hanno rivendicato il gesto attraverso un video. Domani il movimento "Non una di meno" alle 18.30 ha organizzato un presidio davanti a Palazzo Marino "per dire che lo stupro e la pedofilia non sono errori ma crimini contro la persona e contro l'umanità". "Vogliamo rispondere innanzitutto al sindaco Sala in quanto rappresentante di un gruppo di potere che finora si è auto- assolto, alimentando una cultura della violenza strutturale e negando qualsiasi discussione su colonialismo e razzismo – spiegano le attiviste – definire stupro e pedofilia come "macchie" potenzialmente presenti nella vita di tutti significa banalizzare e normalizzare la violenza".

Gallera: Il gesto va condannato

Intanto si susseguono sia da esponenti di destra che di sinistra le condanne nei confronti dell'atto vandalico: "Vergogna – ha esordito l'assessore lombardo Gallera in un post su Facebook – Montanelli è stato un simbolo della libertà di informazione che ha pagato personalmente il suo essere uomo e giornalista libero sempre con la schiena dritta, chi ne ha oltraggiato la statua con un gesto ignobile va condannato senza se e senza ma". "Sono d’accordo con la proposta di collocare a Milano un monumento alla memoria delle vittime del colonialismo italiano – ha fatto sapere Angelo Turco, presidente Pd della Commissione Cultura di Palazzo Marino, in merito alla riflessione degli esponenti del Partito Democratico Lia Quartapelle e Pierfrancesco Majorino – la nostra cultura popolare è ancora fortemente intrisa di stereotipi razzisti che derivano da quella esperienza, le nostre classi dirigenti del Novecento e qualche loro propaggine contemporanea hanno minimizzato e derubricato responsabilità storiche gravissime".

Il sindaco Sala: Attenti a revisionismo senza fine

"Il mio video di oggi su Montanelli è stato molto criticato. Questo è un fatto indiscutibile, assolutamente indiscutibile. E siccome stimo i miei concittadini, non posso che rifletterci, seriamente – il commento del sindaco di Milano Beppe Sala dopo le critiche ricevuto al suo video di domenica mattina – mi permetto però di insistere (siccome testardo lo sono, eccome) su un punto. Occhio che se revisionismo deve essere, allora lo sia fino in fondo. Se il tema è la pedofilia, ci sono altri casi di personaggi ricordati con piazze, vie, scuole a Milano a cui potremmo dedicarci. Poi passeremo ai guerrafondai, categoria ricca di riconoscimenti municipali. E via di questo passo, in un meraviglioso processo senza fine. Ma, riflettendoci, per quanto mi riguarda forse mi interessa di più occuparmi di chi sta perdendo il lavoro nella nostra "ricca" Milano". Intanto la statua la scorsa notte è stata controllata a vista dalla polizia locale mentre un'auto con i lampeggianti accesi si è posizionata all'interno del parco dove si trova la statua che oggi che verrà ripulita da una ditta specializzata

Prete sfida la camorra con un megafono nelle piazze di spaccio e sotto casa del boss:
Prete sfida la camorra con un megafono nelle piazze di spaccio e sotto casa del boss: "Via da qui"
Precipita con il parapendio durante l'atterraggio e si schianta contro un albero: ferito un turista
Precipita con il parapendio durante l'atterraggio e si schianta contro un albero: ferito un turista
Stordiva e spogliava le clienti, ma la Procura archivia: come agiva il molestatore seriale
Stordiva e spogliava le clienti, ma la Procura archivia: come agiva il molestatore seriale
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni