Tragedia a Livigno, in provincia di Sondrio, dove un ragazzo è stato travolto e ucciso da una valanga mentre stava facendo snowboard. Il dramma è successo ieri pomeriggio, domenica 3 febbraio. Si tratta di B.L. un 24enne di nazionalità belga. Un momento di svago e di divertimento nel silenzio della montagna che è culminato in tragedia. A dare l'allarme è stato il suo compagno di attività sportiva che al momento dell'accaduto stava facendo snowboard con lui.  Per cause ancora da chiarire, il ragazzo è stato raggiunto da una slavina che non gli ha lasciato scampo. Circa due metri di neve hanno sepolto il suo corpo, recuperato dagli uomini del Soccorso Alpino della VII Delegazione di Valtellina e Valchiavenna della Stazione di Livigno, intervenuti sul posto con il Sagf della Guardia di finanza. Secondo le primissime informazioni pare che i due ragazzi abbiano abbandonato la pista per spostarsi in un'altra area attraversando un canale. Sono in corso indagini sull'accaduto.

Cade in un crepaccio e muore mentre fa fuoripista

Davide Colombo, 43 anni, è morto cadendo in un crepaccio durante un fuoripista con lo snowboard nella zona tra il Gavia e l’Aple Plaghera. Davide era di Mornago, in provincia di Varese. A dare l'allarme un amico che era insieme a lui. Il 43enne è stato soccorso con un'eliambulanza, ma è deceduto poco dopo il suo arrivo all'ospedale Morelli di Sondalo, Sondrio. Le operazioni si sono rivelate purtroppo complicate e lunghe. Probabilmente l'uomo è morto anche per assideramento. Sull'episodio stanno indagando i carabinieri in servizio sulle piste da sci del comprensorio di Santa Caterina Valfurva, Sondrio.