Strage di galline nel Bresciano. A causa del malfunzionamento dell'impianto di aerazione in un'azienda agricola della Franciacorta, in provincia di Brescia, diecimila galline sono morte soffocate dopo essere rimaste al caldo e senza ricambio di ossigeno per ore.

Brescia, guasto all'impianto di aerazione in un capannone: morte diecimila galline

Il proprietario dell'allevamento è stato indagato a piede libero. Stando alle prime verifiche dei carabinieri forestali, pare che il titolare dell'azienda agricola non avesse predisposto, come imposto dalla legge, i necessari sistemi di allarme in grado di segnalare eventuali malfunzionamenti del meccanismo di aerazione forzata all'interno dei capannoni che ospitavano migliaia di galline ovaiole.

Il titolare dell'azienda agricola denunciato per uccisione di animale

Un episodio simile era già accaduto un anno fa nella stessa azienda: allora morirono "solo" duecento esemplari. Ora il responsabile dovrà rispondere di uccisione di animali. Rischia da 4 mesi a 2 anni di reclusione. Inoltre è stato multato, con un verbale da oltre 3mila euro.

Castiglione delle Stiviere, incendio in un allevamento di polli: morti 72mila esemplari

Meno di un mese fa un'altra strage di pollame, dalle conseguenze ancora più gravi, era avvenuta nelle campagne di Castiglione delle Stiviere, nel Mantovano. Il 30 luglio un incendio si è scatenato presso un allevamento, distruggendo due grossi capannoni e uccidendo quasi tutte le 72mila galline che si trovavano all'interno. Il rogo sarebbe stato provocato da un corto circuito.