[Immagine di repertorio]
in foto: [Immagine di repertorio]

Una vera e propria strage di galline quella avvenute nella campagne di Castiglione delle Stiviere, nel Mantovano. Un incendio si è scatenato presso un allevamento di pollame, distruggendo due grossi capannoni e uccidendo quasi tutte le 72mila galline che si trovavano all'interno. Un incendio che, stando alle prime ricostruzioni, sarebbe stato provocato da un corto circuito e che non avrebbe lasciato scampo ai due edifici, in breve tempo avvolti dalle fiamme e praticamente distrutti.

L'incendio è scoppiato nella notte scorsa, poco prima di mezzanotte: le fiamme hanno avvolto rapidamente i due edifici ed hanno costretto i vigili del fuoco a lavorare fino al mattino successivo per spegnerle del tutto. Ben sei le squadre al lavoro per domare le fiamme: sono dovuti infatti intervenire camion di pompieri da Mantova, Castiglione delle Stiviere, Salò e Desenzano del Garda per poter mettere in sicurezza la zona, dopo una nottata intera passata a contenere e spegnere l'incendio. Nessun ferito, ma danni ingenti ad entrambe le strutture, mentre il prezzo più alto lo hanno pagato le povere galline: circa 72mila gli esemplari all'interno del pollaio, quasi tutti purtroppo deceduti nel vasto incendio scoppiato nella notte.

Un precedente rogo, avvenuto il 12 luglio in zona Taglie di Santa Margherita d’Adige nel Padovano, aveva avuto una conclusione simile: in quel caso, a morire erano stati centomila capi d'allevamento tra polli e galline, la metà di quelli che si trovavano all'interno dello stabilimento. Ed anche in quel caso, a scatenare la fiamme, era stato un cortocircuito.