Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

L'ha uccisa per gelosia, perché era convito che la moglie aveva intenzione di ricoverarlo in una struttura assistenziale per poter portare avanti la relazione extraconiugale che durava da 50 anni. Sarebbe questo il movente che ha spinto il 93enne Vasco Bimbatti a uccidere la moglie nel loro appartamento di Sesto San Giovanni: l'uomo, affetto da demenza senile e costretto da tempo su una sedia a rotelle, ha colpito la 90enne Luciana Bonzanini con il poggiapiedi della sedia a rotelle. A raccontare il tutto ai carabinieri della compagnia locale è lo stesso Bimbatti che portato in caserma subito dopo il ritrovamento del corpo della donna ha confessato quanto accaduto: i due aveva appena litigato a causa della decisione della moglie di ricoverare l'anziano marito in una struttura assistenziale. Decisione che l'uomo non aveva ben accettato poiché coinvolto che la donna volesse riallacciare una relazione extraconiugale che andava avanti da anni, 50 secondo l'anziano.

Uccide la moglie per gelosia a 93 anni: la donna voleva ricoverarlo in una struttura assistenziale

E così approfittando di un momento di distrazione della moglie, quando quest'ultima lo ha aiutato a mettersi a letto su sua richiesta ha afferrato un poggiapiede della sua carrozzina e l'ha colpita al volta uccidendola. A ritrovare il corpo della donna è stato il figlio dei due che rientrato in casa si è trovato dinanzi al padre in stato confusionale e con le mani insanguinate: aveva ancora il poggiapiedi della carrozzina utilizzato per uccidere la madre. L'uomo ha allertato immediatamente soccorritori e carabinieri che sono giunti insieme nell'appartamento di via Fratelli di Dio al civico 34 nel quartiere Adriano di Sesto. Purtroppo quando il personale sanitario è giunto nell’abitazione per l’anziana non vi era più nulla da fare e non è stato possibile fare altro che dichiararne il decesso. Ora spetterà al pm di turno decidere come procedere e capire se l'uomo, affetto da demenza senile potrà trascorrere in carcere il resto dei suoi anni o se avrà bisogno di cure necessarie alla cura della sua malattia in una struttura dedicata.