Inizia a prendere forma il nuovo stadio che Milan e Inter progettano di costruire al posto dello storico stadio Meazza a San Siro. Dopo l'annuncio della scorsa settimana in occasione dell'assegnazione delle Olimpiadi invernali 2026 a Milano-Cortina, oggi i vertici delle due società calcistiche milanesi hanno anticipato che il progetto di fattibilità del nuovo stadio di San Siro sarà al Comune di Milano nella prossima settimana.

Un incontro "molto cordiale" tra società e sindaco

L'amministratore delegato nerazzurro Alessandro Antonello, il presidente rossonero Paolo Scaroni e l'ad Ivan Gazidis hanno avuto questa mattina un incontro definito "molto cordiale" con il sindaco di Milano Giuseppe Sala e con il direttore generale del Comune Cristian Marangone. Il masterplan dello stadio è stato preparato da una task force congiunta di esperti dei due club, al lavoro da novembre. A breve verrà quindi svelato per la prima volta il design del nuovo impianto.

Un nuovo San Siro accanto a quello vecchio

"Facciamo un nuovo San Siro accanto al vecchio, nella stessa area della concessione. Il vecchio verrà buttato giù e al suo posto ci saranno nuove costruzioni", aveva detto Scaroni parlando con i giornalisti a Losanna a margine della sessione del Cio, senza però fornire dettagli sui tempi. Lo fate insieme? "Assolutamente", aveva risposto Antonello. Una fuga in avanti che non era piaciuta al sindaco Sala, che dopo la festa per la vittoria della candidatura italiana per i Giochi invernali aveva bacchettato i due manager per la tempistica dell'annuncio, spiegando che "potevano anche aspettare un attimo" per evitare di mettere a rischio la vittoria di Milano-Cortina.

Sala e Fontana: La cerimonia dei Giochi 2026 sarà al Meazza

Sia il sindaco che il governatore lombardo Attilio Fontana negli ultimi giorni hanno ribadito più volte che la cerimonia di inaugurazione delle Olimpiadi 2026 si terrà nello stadio Meazza, che dovrebbe quindi rimanere in piedi per almeno altri 7 anni.