Corrado Bonoldi (Facebook)
in foto: Corrado Bonoldi (Facebook)

L'ex sindaco di Ripalta Cremasca (Cremona), Corrado Bonoldi, è morto a causa delle ferite riportate in un incidente stradale. La vittima, 79 anni, era stata tamponata da un furgone sulla strada provinciale Paullese mentre si trovava a bordo della sua auto. L'incidente era avvenuto la scorsa settimana, mercoledì. Da allora Bonoldi era ricoverato all'ospedale di Cremona: le sue condizioni erano state giudicate gravi anche se nel fine settimana sono peggiorate improvvisamente portandolo al decesso, avvenuto nel pomeriggio di ieri.

Bonoldi, ex esponente della Democrazia cristiana, era stato sindaco di Ripalta Cremasca e presidente, fino al 2004, della società multiservizi Scrp (Società cremasca reti e patrimonio). Aveva inoltre presieduto altre due aziende, la Benefattori cremaschi e Consorzio.it. Nel 2000 era stato nominato Cavaliere di Gran croce. La dinamica dell'incidente che lo ha visto sfortunato protagonista è stata ricostruita dalle forze dell'ordine intervenute: la Lancia Y di Bonoldi è stata tamponata da un furgone ed è finita contro un guard rail. A rendere più gravi le conseguenze dell'urto è stato il malfunzionamento degli airbag che non si sono gonfiati: motivo per cui Bonoldi ha sbattuto violentemente la testa.

Attesa l'autopsia: i funerali sabato

Bonoldi era cosciente al momento del ricovero. Le sue condizioni sarebbero peggiorate improvvisamente anche a causa del suo precedente stato di salute. Sulla salma del 79enne potrebbe essere effettuata l'autopsia che servirà a capire le esatte cause del decesso. Solo in seguito alla decisione del magistrato potranno essere fissati i funerali, previsti comunque per il prossimo sabato. Nel frattempo la notizia della morte dell'ex sindaco ha lasciato sgomenti molti suoi concittadini e conoscenti. Questo il ricordo del consigliere regionale del Pd Matteo Piloni, originario di Crema: "Ci siamo visti l'ultima volta una decina di giorni fa, in un negozio proprio a Ripalta. Impossibile non scambiarsi una battuta sulla politica. Mi dispiace davvero molto. Le mie più sentite condoglianze alla famiglia e a tutta la comunità ripaltese".