Annalisa Malara (foto Facebook Collegio Nuovo – Fondazione Sandra e Enea Mattei)
in foto: Annalisa Malara (foto Facebook Collegio Nuovo – Fondazione Sandra e Enea Mattei)

Un premio speciale per ringraziare Annalisa Malara, l'anestesista cremonese dell'ospedale di Codogno che per prima, infrangendo i protocolli, ha chiesto di effettuare il tampone sul ‘paziente 1' che ha permesso di scoprire che l'epidemia di coronavirus era già presente in Lombardia.

Premiata Annalisa Malara, l'anestesista di Codogno che scoprì il ‘paziente 1'

Il governatore Attilio Fontana assegnerà un Premio ‘speciale’ Rosa Camuna, il più alto riconoscimento della Regione Lombardia, alla dottoressa Malara. "Per prima ha avuto il coraggio di individuare il paziente 1" ha spiegato il presidente della Lombardia. "Se il noto falliva, non mi restava che entrare nell’ignoto", ha raccontato l'anestesista ricordando la notte in cui tutto è cominciato. Mattia, il paziente 38enne in gravi condizioni, diceva di non aver avuto alcun contatto con la Cina o con malati di coronavirus, eppure lei è arrivata a concludere poteva essere stato contagiato dal covid-19. "Ho pensato che anch’io, per aiutarlo, dovevo cercare qualcosa di impossibile".

Fontana: Un riconoscimento per tutti i medici e gli infermieri

"Credo – ha aggiunto Fontana riferendo la decisione di premiare la dottoressa in diretta Facebook con il Cittadino di Lodi – che le si debba un grazie. Premiando lei si premiano tutti medici, infermieri, volontari che in questa pandemia hanno dimostrato una forza, una determinazione, una disponibilità nei confronti degli altri che è davvero commovente"