(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Possibile svolta nel caso della scomparsa di una trans brasiliana 41enne, di cui non si hanno più notizie dallo scorso 21 dicembre. Il compagno della 41enne, che ne aveva denunciato la scomparsa alcuni giorni dopo, è indagato per sequestro di persona, secondo quanto confermato a Fanpage.it dal legale dell'uomo. Nel corso di alcuni sopralluoghi da parte dei carabinieri della scientifica nell'abitazione dell'uomo, a Pavia, sarebbero state trovate delle tracce ematiche. La procura ha disposto il sequestro dell'abitazione e ha dato avvio ad alcuni accertamenti tecnici irripetibili per capire la natura delle tracce trovate.

L'avvocato dell'uomo: È innamorato, speriamo che lei venga ritrovata sana e salva

Della trans scomparsa, purtroppo, non si hanno ancora notizie. "La speranza è che possa essere ritrovata sana e salva, sarebbe la conclusione migliore della vicenda – ha spiegato a Fanpage.it l'avvocato Alessio Corna -. Il mio assistito è innamorato, lui e la sua compagna vivevano assieme a Pavia da tre anni. Lui era a conoscenza del suo lavoro – la donna fa la escort, ndr – e lo accettava". La sera della scomparsa, il 21 dicembre, la 41enne non avrebbe però rivelato al compagno, un 40enne pavese che lavora come cameriere ed è incensurato, che stava uscendo per andare da un cliente. Il suo compagno le aveva telefonato, riuscendo ad ascoltare un frammento di un litigio con un'altra persona. Poi la linea è caduta e da allora il telefono della 41enne non è più stato attivo. Il compagno ha aspettato nove giorni per denunciare la scomparsa della 41enne: "È stata una sua valutazione personale – spiega l'avvocato – anche altre volte in passato era successo. La 41enne era senza documenti e irregolare in Italia, aveva precedenti per droga, non era insomma molto affidabile".

L'avviso di garanzia atto dovuto

Adesso è arrivato l'avviso di garanzia con l'ipotesi di reato di sequestro di persona: "Presumo che si tratti di un atto dovuto per il prosieguo delle indagini", ha chiarito il legale. Per la chiusura delle indagini bisognerà attendere probabilmente molto tempo: "Bisognerà vedere a quali celle si è agganciato il cellulare della 41enne nel momento in cui il telefono si è spento, analizzare i messaggi per cercare di risalire al cliente con cui si trovava", spiega l'avvocato. Nel frattempo però il compagno della trans non si arrende: per cercare la 41enne si è rivolto anche alla trasmissione tv "Chi l'ha visto?", che nella puntata di domani, mercoledì 29 gennaio, parlerà della vicenda.