Era stata la loro badante e per questo conosceva le loro abitudini e sapeva dove custodivano i risparmi. Una donna di 44 anni ha deciso di rapinare i suoi ex datori di lavoro, due coniugi di 90 e 88 anni, incurante della loro età avanzata e del fatto che la moglie fosse invalida. L'episodio è avvenuto nella serata di ieri a Pavia. La badante infedele, una cittadina romena, si è introdotta nell'abitazione, che non era chiusa a chiave, e ha poi aspettato che l'attuale collaboratrice dell'anziana coppia uscisse di casa. Poi si è recata nella stanza dove sapeva che si trovavano i soldi. A quel punto la donna è stata sorpresa dal padrone di casa: senza farsi troppi scrupoli ha spinto il 90enne nella camera da letto, dove si trovava la moglie invalida, e ha chiuso a chiave la porta. Poi, con un bottino di oltre diecimila euro, è fuggita cercando di far perdere le proprie tracce.

Gli anziani sono riusciti a dare l'allarme con il cellulare

Per loro fortuna gli anziani avevano sempre con sé un telefono cellulare, col quale hanno subito chiamato la polizia, dando l'allarme. I poliziotti della questura di Pavia sono intervenuti nell'abitazione e hanno liberato i due coniugi, i quali hanno subito fornito informazioni utili per rintracciare l'ex badante. Gli agenti di una volante hanno individuato la donna vicino alla sua abitazione: la 44enne, una volta viste le divise, non ha opposto resistenza e ha anzi consegnato subito il bottino, pari a 10.330 euro. Per la donna è scattato il fermo con le accuse di rapina e sequestro di persona: la 44enne si trova adesso nel carcere di Vigevano, dove resta a disposizione dell'autorità giudiziaria.