4 Luglio 2016
15:26

Palazzina esplosa a Milano, Pellicanò confessa: “Ho svitato il tubo del gas”

Giuseppe Pellicanò, compagno di una delle vittime dell’esplosione in via Brioschi a Milano, avrebbe confessato di aver svitato volontariamente il tubo del gas. La confessione sarebbe avvenuta nel corso dell’interrogatorio di garanzia davanti al gip. Pellicanò, che ha però negato di aver premeditato la strage in cui sono rimaste ferite anche le sue due figlie, resta ora in carcere.
A cura di Francesco Loiacono

Dopo parziali smentite e molti "non ricordo", Giuseppe Pellicanò avrebbe ammesso di aver svitato il tubo del gas della sua abitazione in via Brioschi 65 a Milano, causando la fuoriuscita di metano che ha poi provocato la tremenda esplosione in cui sono morte la compagna Micaela Masella e i giovani Chiara Magnamassa e Riccardo Maglianesi.

Pellicanò, 51enne pubblicitario, avrebbe reso piena confessione durante l'interrogatorio di garanzia del carcere di San Vittore, nel quale si trova dallo scorso primo luglio. Davanti al giudice per le indagini preliminari Giusi Barbara ha raccontato di essersi svegliato nella notte tra l'11 e il 12 giugno scorso e di aver svitato la ghiera del tubo con una pinza a pappagallo. Poi ha detto di essere tornato a dormire e di non ricordare più nulla fino al suo risveglio in ospedale. Pellicanò, da tempo in crisi con la compagna Micaela, ha però negato di aver premeditato la strage. Avrebbe agito sotto l'effetto di antidepressivi, per gelosia per l'imminente separazione dalla compagna (i due non si sono mai sposati), con cui comnque continuava a vivere assieme anche alle loro due figlie di 7 e 11 anni.

La bambine sono rimaste gravemente ferite nell'esplosione e si trovano ricoverate al Niguarda. Adesso, soprattutto dopo gli sviluppi della vicenda, il tribunale dei minorenni dovrà decidere sul loro futuro: probabile che vengano affidate ai nonni, dopo che il padre sarà giudicato decaduto da genitore. Pellicanò resta ora in carcere: il gip ha infatti emesso un'ordinanza di custodia cautelare, anche se non ha convalidato l'arresto eseguito negli scorsi giorni. Non ci sarebbe infatti il pericolo di fuga contestato all'indagato (l'accusa è strage), ma Pellicanò avrebbe comunque agito in maniera "volontaria e deliberata".

Europei, l'Italia in semifinale: la gioia nelle piazze
Europei, l'Italia in semifinale: la gioia nelle piazze
39 di askanews
Premio Campione 2021: riconoscimento per l'eroe di piazzale Libia, che salvò dalle fiamme un 30enne
Premio Campione 2021: riconoscimento per l'eroe di piazzale Libia, che salvò dalle fiamme un 30enne
Hanno dato fuoco a due palestre: arrestati il dentista e l'amante
Hanno dato fuoco a due palestre: arrestati il dentista e l'amante
1.262 di Ilaria Quattrone
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni