Dramma, nella notte, a Milano, dove il cadavere di una donna di 59 anni, Adriana Signorelli è stato rinvenuto nella sua abitazione. Ad allertare le forze dell'ordine è stata, intorno all'1.30, la figlia della donna, che non riusciva a mettersi in contatto con la madre. Intorno alle 2, dunque, vigili del fuoco, sanitari del 118 e agenti della Polizia di Stato sono arrivati all'appartamento al civico 4 di via San Giacomo, in zona Chiesa Rossa, dove hanno effettuato il tragico rinvenimento: dopo aver sfondato il portone, i soccorritori sono entrati in casa, scoprendo il cadavere della 59enne in una pozza di sangue. Sul corpo sono state ritrovate ferite da arma da taglio: sarà adesso l'autopsia a stabilire con precisione le cause della morte.

Arrestato il marito con l'accusa di omicidio

Quando gli agenti della Questura di Milano sono arrivati sul posto, hanno preso in consegna il marito della donna, che stando a quanto si apprende non vivrebbe con la 59enne, che è stato successivamente arrestato per omicidio. Si tratta del 65enne Aurelio Galluccio. Alla vista dei poliziotti, l'uomo ha tentato di investirli con la sua automobile, una Citroen C3, scagliandosi contro di loro a gran velocità: nessuno degli agenti è rimasto ferito, ma l'auto si è schiantata contro un'aiuola. L'uomo è stato così portato in ospedale per le cure del caso, dove è piantonato dai poliziotti in stato di fermo. Quello della 59enne, dunque, potrebbe essere l'ennesimo femminicidio maturato in un contesto familiare. Come detto, però, la posizione del marito è ancora al vaglio della Polizia di Stato, che indaga sulla vicenda. Ancora da accertare il movente che avrebbe spinto l'uomo a commettere il delitto.