Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Per lui era più comodo così, evidentemente. Abbandonare i rifiuti in aree non adibite allo scarico e abbandono dell'immondizia gli è venuto più facile per un periodo di tempo prolungato, sino a quando non è stato multato dai poliziotti. Il modus operandi era semplice: si avvicinava con il furgone stracolmo di rifiuti, li lasciava nell'area giochi dei bambini e se ne andava. Succedeva in via Dante Alighieri a Offanengo, in provincia di Cremona.

La sanzione e la promessa di non farlo più

L'uomo non è stato arrestato in flagranza di reato, bensì fermato qualche giorno più tardi all'atto illegale, ricercato dagli agenti della polizia che non hanno potuto fare affidamento nemmeno sulle telecamere presenti in zona. Troppo buio per poter riuscire a riconoscere la targa del veicolo. Poi, però, essendo ciclico lo scarico dei rifiuti, che sarebbe avvenuto ogni lunedì, durante l'ultimo gli agenti sono riusciti a scoprire la ditta alla quale apparteneva il furgone dell'uomo. E' stato poi bloccato immediatamente al nuovo ingresso a Offanengo con l'ausilio dei varchi elettronici: raggiunto dalle forze dell'ordine, l'uomo ha dapprima cercato di divincolarsi negando ogni responsabilità, salvo, infine, ammettere del gesto di cui lo stavano accusando. Per questo motivo è stato sanzionato con una multa di 400 euro, saldata immediatamente dall'uomo, che nel mentre avrebbe promesso di non abbandonare più i rifiuti per strada.

Il precedente curioso nel Milanese

Qualche mese fa a Cesano Boscone, paese in provincia di Milano, gli addetti allo sgombero di una casa hanno abbandonato per strada i mobili recuperati in un appartamento da poco venduto. A inchiodarli, però, in quell'occasione fu il disegno di una bambina contenuto in un cassetto di uno dei comodini scaricati sul ciglio della strada, grazie al quale le forze dell'ordine sono riuscite a risalire all'ex proprietario, a quello nuovo e alla ditta incaricata di fare i lavori, denunciando i responsabili.