"Un'ondata d'acqua eccezionale". Così, dalla centrale operativa dei vigili del fuoco del comando provinciale di Milano, descrivono il temporale che si è abbattuto nella serata di ieri sul capoluogo lombardo. Oltre 100 sono stati gli interventi dei pompieri in città e nell'hinterland: i danni provocati dall'acqua sono stati diversi, da alberi e piante caduti sulla sede stradale agli allagamenti – tanti – all'interno di cantine, box e vani ascensore dei palazzi. In alcuni casi la pioggia unita al forte vento si è infiltrata anche all'interno di appartamenti posti a piani elevati. Il nubifragio, con pioggia e in alcuni momenti anche grandine, ha provocato anche diversi incidenti sulle strade e sulle autostrade a Milano e nell'hinterland, anche se non si sono registrati fortunatamente feriti gravi. L'intervento dei vigili del fuoco, chiamati a un superlavoro, è andato avanti dalle 20 fino all'una di notte circa.

Possibili nuovi temporali nel pomeriggio di oggi

Sulla propria pagina Facebook l'assessore alla Mobilità e all'ambiente Marco Granelli ha fornito costanti aggiornamenti sui livelli dei fiumi Seveso e Lambro. Si è temuto per una loro possibile esondazione, poi fortunatamente scongiurata anche se i livelli dei due corsi d'acqua sono saliti in maniera preoccupante durante il temporale. L'esondazione è stata scongiurata anche perché la pioggia ha risparmiato la zona a Nord del capoluogo lombardo. L'assessore ha comunque segnalato allagamenti dei sottopassi e di alcune strade nei quartieri nord della città: oltre ai vigili del fuoco sono entrate in azione le squadre di Amsa e della protezione civile. Ancora questa mattina a Milano si vedevano i segni del temporale, con alcune strade allagate e rami e foglie sparsi sull'asfalto e sui marciapiedi. Stando alle previsioni meteo la giornata odierna dovrebbe essere caratterizzata da sole e cielo sereno per la prima parte: non è escluso però un nuovo peggioramento a partire dal tardo pomeriggio, con la possibilità di nuove precipitazioni.