24 CONDIVISIONI
News sull'attentato di Berlino

Nessun complice a Milano e in Lombardia: chiuse le indagini sul terrorista Anis Amri

A quasi un anno dall’uccisione di Anis Amri a Sesto San Giovanni, la procura di Milano ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta sulla presunta rete a cui il terrorista si sarebbe appoggiato a Milano e in Lombardia. Non sono emersi fiancheggiatori: il killer dei mercatini di Natale a Berlino, che uccise 12 persone e venne a sua volta ucciso lo scorso 23 dicembre, avrebbe agito da solo.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Francesco Loiacono
24 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News sull'attentato di Berlino

A quasi un anno dall'uccisione di Anis Amri a Sesto San Giovanni, la procura di Milano ha chiesto l'archiviazione dell'inchiesta sulla presunta rete su cui il terrorista si sarebbe appoggiato a Milano e in Lombardia. Il fascicolo era stato aperto contro ignoti dal procuratore aggiunto Alberto Nobili e dai pubblici ministeri Piero Basilone e Paola Pirotta, del pool antiterrorismo della procura. L'ipotesi di reato era di terrorismo internazionale: i magistrati volevano capire se qualcuno avesse aiutato l'autore della strage ai mercatini di Natale di Berlino (di cui domani ricorre l'anniversario) a muoversi sul territorio nazionale.

A Catania girò al contrario tutti i crocifissi

Non è così: Amri avrebbe agito in sostanza da solo, confermando l'ipotesi del "lupo solitario". Il giovane tunisino partì proprio dall'Italia per il suo viaggio di morte e terrore, iniziato con una sorta di "presagio": mentre era ospite di un alloggio per minori vicino a Catania aveva girato al contrario tutti i crocifissi della struttura in segno di provocazione. Il dettaglio è inserito nelle 17 pagine di richiesta d'archiviazione ed è stato raccontato agli inquirenti milanesi da una religiosa della comunità, che ha aggiunto che Amri dirigeva la preghiera islamica collettiva e invitava provocatoriamente la responsabile della struttura a unirsi in preghiera.

La strage a Berlino e l'uccisione a Sesto San Giovanni

Il 19 dicembre dello scorso anno il tunisino, dopo essersi impossessato del tir di un autotrasportatore polacco partito da Cinisello Balsamo, da lui ucciso, travolse la folla ai mercatini natalizi nel quartiere di Charlottenburg uccidendo 12 persone e ferendone 48. Il killer era poi fuggito attraverso Paesi Bassi e Francia, prima di ritornare in Italia: era rientrato a Bardonecchia, in Piemonte, da dove aveva preso un treno per la stazione Centrale di Milano. Da qui si era diretto verso la stazione in piazza Primo maggio a Sesto San Giovanni, a nord del capoluogo: fermato per un controllo di routine da due poliziotti, Luca Scatà e Christian Movio, aveva ingaggiato con i due un conflitto a fuoco nel quale era rimasto ucciso. Per molto tempo nessuno, anche tra i suoi familiari, ne ha reclamato la salma.

24 CONDIVISIONI
News sull'attentato di Berlino
18 contenuti su questa storia
Amri voleva andare a Roma o Napoli: perquisizioni a Sesto e indagini sugli internet point
Amri voleva andare a Roma o Napoli: perquisizioni a Sesto e indagini sugli internet point
Strage di Berlino, perquisite ad Aprilia due abitazioni dove Amri sarebbe stato ospite
Strage di Berlino, perquisite ad Aprilia due abitazioni dove Amri sarebbe stato ospite
Zaia: "Taglia di 100mila euro ai poliziotti che hanno fermato Amri". Ma non si può fare
Zaia: "Taglia di 100mila euro ai poliziotti che hanno fermato Amri". Ma non si può fare
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni