Angela Crippa
in foto: Angela Crippa

Sono due le persone indagate nell'ambito dell'inchiesta sulla morte di Angela Crippa, deceduta all'ospedale di Vimercate a causa di una trasfusione di sangue errata. Si tratta di un medico e un'infermiera, di rispettivamente 44 e 43 anni dipendenti della struttura ospedaliera del Monzese: secondo quanto emerso dalle indagini infatti i due erano di turno quando l'anziana ha subito la trasfusione in seguito a un intervento chirurgico al femore lo scorso 8 settembre. L'ipotesi di accusa sia per il medio che per l'infermiera è di omicidio colposo.

Angela Crippa morta per una trasfusione sbagliata

Lo scorso 17 settembre la procura di Monza aveva aperto un fascicolo d'inchiesta per omicidio colposo in merito alla morte dell'84enne dopo la denuncia dei figli dell'anziana che avevano raccontato alle forze dell'ordine quanto accaduto all'ospedale di Vimercate: Angela era infatti stata ricoverata in struttura per la rottura di un femore, operata nella mattinata di mercoledì 4 settembre è stata poi sottoposta a una trasfusione nel pomeriggio della stessa giornata. Dopo circa 20 minuti dall'inizio della trasfusione, la donna aveva iniziato a tremare e a stare male, intubata era stata portata in rianimazione, infine le era stata fatta una dialisi per ripulire il sangue, senza successo. La donna è morta a 36 ore di distanza da quella trasfusione per una forte crisi emolitica. I medici una volta appurato quanto accaduto hanno immediatamente informato dei fatti i figli, sottolineando, senza mai nasconderlo, l'errore commesso. I due si sono così rivolti alle forze dell'ordine alle quali hanno denunciato l'errata trasfusione. Le indagini sono iniziate immediatamente e non si sono mai fermate. Quest'oggi la notizia dei due indagati.