Le Nazioni Unite hanno scelto il 5 dicembre come giornata mondiale dedicata al tema del suolo. Per questa speciale ricorrenza il Comune di Milano ha deciso di depavimentare un spazio stradale in viale Suzzani, sostituendo uno spartitraffico lastricato d'asfalto con un'aiuola di prato fiorito che arriverà fino all'ingresso del Parco Nord. I lavori per la nuova area verde, che occuperà uno spazio di 900 metri quadrati, sono iniziati questa mattina. Si tratta di un'importante opera di riqualificazione che vedrà la sua realizzazione definitiva nelle prossime settimane. La particolarità dell'opera riguarda il fatto che l'aiuola presenterà al suo interno delle specie attrattive per le api.

L'importanza della depavimentazione

L'intervento iniziato nella giornata giovedì 5 dicembre in viale Suzzani sarà completato nelle settimane successive. L'impatto a livello ecologico è significativo: grazie alla depavimentazione infatti, il suolo ripristinato avrà la capacità di accumulare, nel suo strato fertile, una quantità di sostanza organica equivalente a 15 tonnellate di CO2, tanta quanta ne emette una utilitaria che percorra 10.000 chilometri all'anno per 15 anni: un suolo che riacquista la propria fertilità si comporta come una vera e propria "spugna" di gas climalteranti. "Milano ha sempre più bisogno di verde, non solo nei parchi, ma nelle strade e nelle piazze, sui tetti e sulle pareti – ha dichiarato l’assessore all’Urbanistica, verde e agricoltura Pierfrancesco Maran – l’azione di oggi non è solo un modo per celebrare la giornata mondiale del suolo promuovendo un’idea di sviluppo della città che vuole meno cemento e più verde".

Cosa cambia per il Parco nord

Lo spartitraffico sarà sostituito da quella che diventerà la strada fiorita più lunga d'Italia. Un bel traguardo anche per il Parco Nord, che sottolinea l'importanza di tutelare e incrementare il numero delle api e, così facendo, rendere più belli e ecologicamente più stabili gli ecosistemi, ma anche favorire gli orti sociali. All'evento che ha dato il via alla decementificazione, oltre all'assessore Maran, hanno partecipato: la presidente di Legambiente Lombardia Barbara Meggetto insieme al Presidente del Parco Nord Milano Marzio Marzorati. Il Parco Nord non è nuovo a interventi di questo tipo: a partire dagli anni ’80 è stato uno straordinario esempio di decompressione dei suoli. Nel corso di 3 decenni infatti sono stati deimpermeabilizzati ben 112mila metri quadrati di suolo pubblico. Il bilancio complessivo della decementificazione è positivo per oltre 27.000 metri quadrati. I lavori iniziati oggi si collocano in un più ampio programma di riqualificazione urbana stilato dall'amministrazione comunale per il 2020.