Ha cominciato ad infastidire e molestare verbalmente le ragazze che affollavano, nella serata di ieri, un locale di Porta Garibaldi a Milano poi, visti i continui rifiuti, ha deciso di passare alle molestie fisiche vere e proprie e ha palpato il copro ad una ragazza di 23 anni, che però era un carabiniere libero dal servizio: è così finito in manette un nigeriano di 21 anni, accusato di violenza sessuale e violenza a pubblico ufficiale. Il ragazzo si è dapprima avvicinato alla militare, che era nel locale in compagnia di alcune amiche, chiedendole di poter assaggiare quello che stava bevendo: al rifiuto della 23enne, il 21enne si è allontanato a ha rivolto le sue attenzioni nei confronti di altre ragazze presenti nel locale.

Dopo aver ricevuto altri rifiuti, il ragazzo è tornato alla carica, ma questa volta ha deciso di passare ai fatti: ha così cominciato a palpare la 23enne. Nonostante questa si sia qualificata come un carabiniere, il 21enne ha continuato le sue molestie fisiche: la militare, così, non ci ha pensato due volte a bloccarlo, con l'aiuto del personale del locale, fino all'arrivo di una pattuglia di colleghi, che hanno preso in consegna il ragazzo. Il 21enne, già noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio, dopo le formalità di rito è stato condotto in carcere.