Attimi di terrore ieri pomeriggio a Milano per una donna di 33 anni. In pieno giorno, poco dopo le 13, la 33enne, mamma di una neonata di neanche un mese, è stata avvicinata da uno sconosciuto mentre passeggiava con la figlioletta in viale Enrico Fermi, zona nord di Milano. L'uomo le ha prima puntato un coltello alla gola per minacciarla e poi l'ha rapinata del cellulare e del portafogli, con all'interno pochi contanti. Oltre al comprensibile spavento per via della presenza della figlia, la donna è rimasta anche ferita: è stata soccorsa da un'ambulanza dell'Azienda regionale emergenza urgenza e portata in codice verde all'ospedale Niguarda, dove i medici le hanno medicato una piccolo taglio alla gola. Fortunatamente la piccola, di appena quattro settimane, è rimasta illesa all'interno del suo passeggino e probabilmente non si è accorta di niente.

Il rapinatore sarebbe un uomo originario dell'Est Europa

L'allerta all'Areu è arrivata attorno alle 13.14. Sul posto, oltre al personale sanitario, sono intervenuti anche gli agenti della questura. Ai poliziotti la donna ha raccontato quanto avvenuto, spiegando che l'uomo che l'aveva rapinata parlava, a suo dire, con un accento dell'Est Europa. Sulla base della descrizione della donna la polizia è adesso sulle tracce del rapinatore: probabilmente si analizzeranno le immagini delle telecamere di sorveglianza eventualmente presenti nella zona per cercare di trovare qualche elemento utile alle indagini.