La bisca scoperta dalla polizia (Foto: Questura di Milano)
in foto: La bisca scoperta dalla polizia (Foto: Questura di Milano)

Una mamma preoccupata per il figlio, sempre più indebitato per il gioco d'azzardo: è stata lei a consentire alla polizia di scoprire una bisca clandestina a Milano. Il blitz degli agenti del commissariato Comasina è scattato nella notte di martedì 4 dicembre in via San Genesio, alla periferia nord della città. Per un attimo è sembrato di tornare agli anni della Ligera, la malavita "storica" milanese che viveva proprio di rapine e bische clandestine. Per giocare d'azzardo bisognava passare dalla porta di un comune minimarket al civico 51. Il locale era frequentato anche di notte, dopo l'orario di chiusura, ed è bastato poco a capire il perché: tramite una vetrata scorrevole si accedeva a una scala che portava a una stanza sotterranea, dove erano allestiti tre tavoli da gioco.

Quando i poliziotti hanno fatto irruzione hanno trovato all'interno una ventina di persone, dieci delle quali stavano giocando a carte e dadi. Oggetti che sono stati sequestrati assieme a un libro mastro dove era riportata tutta la contabilità relativa a crediti e debiti di gioco dei giocatori, con somme segnate in euro e dollari. Per il titolare del supermarket e le persone scoperte effettivamente a giocare, tutti cittadini bengalesi, è scattata così una denuncia per gioco clandestino.