280 CONDIVISIONI
25 Aprile 2020
9:14

Milano, il 25 aprile in streaming: tutti gli eventi (e Bella ciao suonata dai musicisti della Scala)

Oggi è il 75esimo anniversario della Liberazione. Sarà un 25 aprile strano, senza il tradizionale corteo: a Milano però sono tanti gli appuntamenti in streaming per celebrare questa giornata in cui il Paese riconquistò la libertà. Si parte dalla mattina con un viaggio virtuale tra nomi e luoghi della Resistenza. Alle 15 anche a Milano si canterà “Bella ciao” dai balconi, mentre dalle 17 al via 75 minuti di diretta streaming con letture e canti.
A cura di Francesco Loiacono
280 CONDIVISIONI

Sarà il sindaco di Milano Beppe Sala ad aprire i festeggiamenti "virtuali" per questo strano 25 aprile in quarantena e in streaming. Alle 17 sarà il primo cittadino milanese a intervenire per primo nel corso della maratona "Stringimi forte Milano, 75 minuti di memoria e libertà". Una diretta streaming che verrà trasmessa sulle pagine Facebook di "Bella ciao Milano" (che ha organizzato la manifestazione) e delle associazioni Anpi Provinciale di Milano e Aned Milano, due delle tante sigle tra partiti, associazioni e movimenti che hanno aderito all'evento. La durata della diretta streaming è simbolica: 75 minuti, come gli anni che ci separano dal 25 aprile del 194,  quando tutta l'Italia riassaporò la libertà dopo la dittatura fascista e gli orrori della guerra, anche se una parte della città, il quartiere Niguarda, si era ribellata e liberata già dal pomeriggio del 24 aprile.

L'omaggio dei musicisti del Teatro alla Scala

"Per la prima volta non potremo riempire piazze e strade, non ci sarà nessun corteo o manifestazione, ma questo giorno è troppo importante per lasciare che trascorra come uno qualsiasi", hanno scritto gli organizzatori sulla pagina Facebook dell'evento, che conta già migliaia di adesioni. Sarà un "abbraccio virtuale per dare voce alle storie di volti e luoghi simbolo della Resistenza di Milano Metropolitana: un'occasione per sentirci uniti, nonostante la distanza, nel ricordo e nella Memoria del 25 aprile del 1945". Durante la diretta streaming si alterneranno letture e canti: come quello di "Bella ciao" eseguito dai musicisti della sezione Anpi del Teatro alla Scala, un regalo che la sezione provinciale milanese dell'Anpi ha voluto condividere sui social.

Alle 10.30 viaggio virtuale tra i luoghi della Resistenza, alle 15 Bella ciao dai balconi

La magnifica esecuzione dei musicisti della Scala potrà servire da base per coloro che, alle 15, dai balconi delle case di tutta Italia si uniranno nel canto partigiano per eccellenza, intonando "Bella ciao". La giornata però si aprirà ufficialmente alle 10.30 con l'iniziativa "Parole della memoria", promossa dall'Anpi provinciale Milano. Si tratta di un itinerario virtuale tra nomi, luoghi e testimonianze della resistenza antifascista nel Centro Storico di Milano, a cui si potrà partecipare collegandosi con i propri dispositivi alla pagina Facebook dell'associazione: sarà possibile visitare virtualmente alcuni dei luoghi simbolo della Resistenza milanese e sentire dalla voce dei volontari alcune di queste storie. Nel calendario delle iniziative per questo strano 25 aprile senza il tradizionale corteo rientra anche la cerimonia di celebrazione che si terrà alle 12 a Palazzo Marino, sede del Comune, alla presenza del sindaco. Anche in questo caso, si potrà assistere alla cerimonia su Facebook.

280 CONDIVISIONI
Carla Fracci e la sua Milano: dalla casa di via Tommei al Tram con cui andava alle lezioni alla Scala
Carla Fracci e la sua Milano: dalla casa di via Tommei al Tram con cui andava alle lezioni alla Scala
Milano: Teatro alla Scala, un positivo nell'orchestra tedesca, rinviati i concerti di Barenboim
Milano: Teatro alla Scala, un positivo nell'orchestra tedesca, rinviati i concerti di Barenboim
Milano al quinto posto per qualità della vita: la città scala ben quaranta posizioni
Milano al quinto posto per qualità della vita: la città scala ben quaranta posizioni
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni