Positiva all'alcol test, con un tasso quattro volte superiore al limite di legge. Come riporta La Repubblica, la trentasettenne alla guida della Toyota Yaris che ha travolto due persone alla fermata del bus in via Novara a Milano era ubriaca. Secondo le informazioni apprese la donna non si sarebbe resa conto di aver inserito la retromarcia invece che la prima ed è finita prima sul marciapiede, poi, ha investito i due in attesa del mezzo pubblico. I fatti risalgono al pomeriggio di ieri, venerdì 29 novembre, l'investimento è avvenuto all'altezza del civico 97, zona San Siro.

L'automobilista era ubriaca

Inizialmente ascoltata dalle forze dell'ordine, la trentasettenne aveva dichiarato di aver perso inavvertitamente il controllo dell'auto, ma dagli esami ai quali è stata sottoposta è emerso che si trovava in evidente stato di ebrezza. Un grave investimento che non è stato provocato da una manovra sbagliata ma dallo stato di alterazione della conducente che, dunque, non avrebbe dovuto guidare.

Auto travolge due persone alla fermata del bus

Una cinquantasettenne straniera, urtata alle gambe, a seguito dell'impatto è caduta a terra e ha battuto la testa. Soccorsa dal personale sanitario del 118, è stata trasportata all'ospedale Niguarda in codice rosso con gravi traumi. Ferito anche un settantaseienne, per il quale è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco. I pompieri hanno lavorato sul posto per estrarlo dalla pensilina, nella quale era rimasto incastrato e lo hanno affidato alle mani dei soccorritori che lo hanno trasportato in codice giallo al Policlinico.