(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Solo il provvidenziale intervento di una 23enne ha evitato che l'ennesima aggressione del padre ai danni della madre degenerasse in qualcosa tragico. L'ennesimo episodio di maltrattamenti in famiglia è avvenuto martedì sera in un appartamento in via Degli Imbriani, a Milano, in zona Bausan. Nella casa abitano marito e moglie cinesi di 52 e 48 anni, assieme a due figli di 27 e 23 anni. È stata la più piccola ad avvertire i carabinieri, dopo aver udito le urla della madre in camera da letto. Il marito, probabilmente ubriaco, l'aveva appena picchiata e ferita alle gambe con un grosso coltello da cucina, simile a una mannaia.

Quando i militari sono intervenuti nell'abitazione il coltello era ancora sotto al letto matrimoniale. Il 52enne è stato arrestato mentre cercava di allontanarsi dall'abitazione con le accuse di maltrattamenti in famiglia e lesioni. La moglie è invece stata ricoverata al Policlinico, anche se fortunatamente non è in pericolo di vita. Ai militari intervenuti il figlio più grande della coppia, il 27enne, ha rivelato che la madre veniva picchiata dal padre da quando i due vivevano ancora in Cina. I maltrattamenti andavano avanti da oltre 18 anni.