Prima il "salto" del tornello della metro, poi l'aggressione a un dipendente Atm che aveva cercato di bloccarlo. E infine il danneggiamento di una stanza della caserma dei carabinieri in cui era stato portato. Pomeriggio movimentato ieri per un ragazzo di 25 anni, alla fine arrestato dai militari dell'Arma a Milano. Il giovane, un cittadino di nazionalità romena, domenica pomeriggio era entrato nella metro, alla fermata Loreto, scavalcando i tornelli in quanto sprovvisto di biglietto. Quando un addetto alla vigilanza di Atm lo ha fermato, il 25enne lo ha prima aggredito colpendolo con un pugno e poi lo ha minacciato con delle forbici da elettricista. Il 25enne è riuscito a scappare salendo su un treno, ma il vigilante e un suo collega non lo hanno perso di vista. Quando l'aggressore è sceso alla fermata di Cordusio è stato bloccato dai carabinieri, nel frattempo allertati dagli addetti della security.

In caserma il 25enne ha dato in escandescenze

Neppure l'arresto ha però placato i "bollenti spiriti" del 25enne. Il ragazzo, una volta portato in caserma, ha infatti rotto uno dei vetri della stanza in cui era stato chiuso. Per lui si sono così perte le porte del carcere: è accusato di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento. Il dipendente di Atm colpito da un pugno e minacciato dal ragazzo, invece, è stato medicato all'ospedale San Raffaele: i medici lo hanno dimesso con una prognosi di cinque giorni.