Una delle ultime esondazioni del Seveso a Milano
in foto: Una delle ultime esondazioni del Seveso a Milano

Un nuovo sistema di allerta per affrontare uno dei problemi storici per i cittadini milanesi che abitano nelle aree a rischio: le esondazioni dei fiumi Seveso e Lambro. In caso di rischio idraulico o temporali forti, d'ora in poi chi si iscriverà al servizio sarà avvisato in anticipo con sms, mail o chiamate. Lo ha annunciato l'amministrazione comunale, ricordando che "l’informazione tempestiva ai cittadini delle aree a rischio idraulico è importante per consentire a tutti di prepararsi all’evento e di prendere le corrette precauzioni".

Allerta Seveso e Lambro: un nuovo sistema avvisa i cittadini con sms, mail e chiamate

Il servizio on line è gratuito e consente ai cittadini di essere "rapidamente avvisati sulle allerte diramate dalla Regione Lombardia (Codice giallo, arancione o rosso per rischio idraulico o temporali forti), sul raggiungimento delle soglie di attenzione ed esondazione del torrente Seveso e del fiume Lambro, sul rientro alla normalità della situazione e sui comportamenti da adottare in questi casi". L’obiettivo, spiega Palazzo Marino, è quello di avvisare tempestivamente tutti coloro che possono essere interessati, "con alcune ore di anticipo in caso di allerta meteo e al momento dell’avvicinamento dell’evento critico, ovvero al superamento delle soglie di criticità del Seveso e del Lambro".

Primo periodo sperimentale fino a marzo 2020

Nella registrazione on line l’utente può segnalare uno o più indirizzi di suo interesse (dal domicilio, alla sede di lavoro, alla scuola dei figli) per essere avvisato in caso di problemi su un’area che frequenta abitualmente. Inserendo nell’iscrizione l’indirizzo mail o il numero di telefono si ha la possibilità di attivare tre diversi canali di comunicazione: email, chiamate telefoniche registrate e sms. I diversi canali di comunicazione vengono attivati in base al tipo e al livello di criticità e in base agli indirizzi di interesse registrati dall’utente. Il primo periodo di attivazione del servizio, fino a marzo 2020, è sperimentale ed è reperibile on line sul sito del Comune oppure dalle pagine web della Protezione Civile di Milano. Il servizio sarà presentato ai cittadini sabato 12 e domenica 13 ottobre in via Federico Confalonieri presso la Casa della Memoria in occasione della campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile  "Io non rischio".