6 Marzo 2019
7:32

L’organo del Duomo di Milano è a rischio: oltre un milione di euro per salvarlo, partita la campagna

L’organo del Duomo di Milano, il più grande d’Italia e tra i più grandi al mondo, è messo a rischio da polveri, ossidazioni e altri fattori. Per salvarlo serve un imponente lavoro di restauro il cui costo è stimato in oltre un milione di euro. La Veneranda fabbrica ha lanciato una campagna di raccolta fondi indirizzata a tutti i milanesi e non solo: “15.800 note per il Duomo di Milano”.
A cura di Francesco Loiacono

Il più grande organo d'Italia è a rischio: il funzionamento dello strumento custodito nel Duomo di Milano è messo a repentaglio da ossidazioni, polveri e altri fattori che ne stanno provocando il lento degrado. A lanciare l'allarme è stata la Veneranda fabbrica del Duomo, che si occupa della cura e della manutenzione del simbolo di Milano in tutto il mondo. Per salvare l'organo del Duomo servono complessivamente oltre un milione di euro: parte dei fondi sono stati già messi a disposizione dall'imprenditrice Diana Bracco grazie all'omonima fondazione, mentre per raccogliere il resto della cifra la Veneranda fabbrica ha lanciato la campagna di raccolta fondi “15.800 note per il Duomo di Milano”. Tutti i milanesi (e non solo) potranno donare una cifra uguale o superiore a 50 euro: in questa maniera entreranno a far parte dell’Albo dei Donatori della Veneranda Fabbrica e, oltre a vedere associato il proprio volto alla campagna riceveranno tre inviti per due persone per partecipare ai diversi concerti d’organo che vengono organizzati in Cattedrale.

Gli interventi di restauro saranno di due tipi

Il nome della campagna deriva dal numero delle canne dell'organo del Duomo, 15.800, che ne fanno uno tra i primi quindici strumenti più grandi al mondo. Oltre ad essere un capolavoro dal punto di vista musicale, per via del suo timbro e dei suoi 180 registri, l'organo è anche una vera e propria opera d'arte di fondamentale importanza storica e culturale: le sue ante, ad esempio, sono costituite da tele del XVIesimo e XVIIesimo secolo realizzate da artisti quali Giuseppe Meda e Camillo Procaccini. Gli interventi di restauro necessari sono quindi di due tipi: quelli più urgenti servono a salvaguardare il corretto funzionamento delle parti elettromeccaniche dello strumento e partiranno nella seconda metà del 2019. Gli altri serviranno invece a salvare la parte decorativa: proprio per questi si fa appello alla generosità dei milanesi e al loro attaccamento al simbolo della città.

Incendio alla Torre dei Moro, il Comune di Milano stanzia mezzo milione di euro per gli sfollati
Incendio alla Torre dei Moro, il Comune di Milano stanzia mezzo milione di euro per gli sfollati
Comunali Milano, "Datemi i soldi per la campagna o mi ritiro": l'ultimatum di Bernardo agli alleati
Comunali Milano, "Datemi i soldi per la campagna o mi ritiro": l'ultimatum di Bernardo agli alleati
Elezioni Milano, dopo l'ultimatum di Bernardo i partiti di centrodestra pagano le spese
Elezioni Milano, dopo l'ultimatum di Bernardo i partiti di centrodestra pagano le spese
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni