Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Il nuovo anno si apre in Lombardia con un infortunio sul lavoro, in drammatica continuità con il precedente. Il primo grave incidente del 2020 riguarda un uomo di 42 anni, B. S. A., che a Lainate, paese alle porte di Milano, è precipitato da un'altezza di circa cinque metri impattando violentemente il suolo. Come riportato dall'azienda emergenza urgenza della Lombardia, il lavoratore ha riportato un trauma toracico e sospetta frattura del bacino.

La corsa in elisoccorso al San Gerardo di Monza

La chiamata ai soccorsi è arrivata alle 14.28, quando un'ambulanza, un'automedica e un mezzo dell'elisoccorso si sono recati sul luogo, in un'azienda di rottami metallici, trovando l'uomo agonizzante a terra. I soccorritori, usciti in codice rosso, hanno confermato il livello di criticità. Il 42enne è stato trasportato d'urgenza in elicottero all'ospedale San Gerardo di Monza. Sul posto sono intervenuti anche gli agenti della polizia locale, che hanno a loro volta chiamato l'Ats, mentre anche la Procura di Milano è stata allertata. Secondo una prima ricostruzione, l'operaio mentre lavorava su una passerella sopraelevata avrebbe perso l'equilibrio schiantandosi per terra.

Il 2019 non si era chiuso tanto meglio

Anche quello che si è chiuso 48 ore fa, non è stato un anno positivo per la sicurezza dei lavoratori. L'ultimo grave incidente in Lombardia risale al 27 dicembre, quando un uomo di 49 anni è stato travolto da un camion mentre si trovava all'interno del parcheggio dei mezzi pesanti a Lissone. L'operaio, che non ha mai perso conoscenza, ha riportato un trauma cranico, motivo per cui è stato trasportato al San Gerardo di Monza.