Un uomo di 56 anni è ricoverato in gravi condizioni al Policlinico di Milano, dopo essere rimasto vittima di un infortunio sul lavoro. L'episodio, riportato dall'Azienda regionale emergenza urgenza, è avvenuto pochi minuti prima delle 13 in via Morimondo (zona Navigli), all'interno dello showroom di un'azienda attiva nel campo della moda. Il ferito sarebbe il titolare della stessa ditta: stando alle prime ricostruzioni dell'accaduto, affidate alla procura della Repubblica di Milano, l'uomo era in cima a una scala per sistemare l'impianto di illuminazione quando ha improvvisamente perso l'equilibrio ed è caduto.

Ieri due operai sono morti sul lavoro a Pieve Emanuele

Il 56enne è precipitato da un'altezza di circa tre metri, battendo con violenza la testa al suolo. In via Morimondo sono intervenute un'ambulanza e un'automedica dell'Areu, inviate in codice giallo. Il 56enne è stato soccorso e trasportato d'urgenza al Policlinico, dove è stato ricoverato in codice rosso per un trauma cranico, contusioni varie e una caviglia fratturata. Fortunatamente non è in pericolo di vita, anche se le sue condizioni sono definite gravi. Sul luogo dell'incidente sono intervenuti i carabinieri del comando provinciale di Milano, coordinati dalla locale procura. Spetterà ai militari capire l'esatta dinamica dell'incidente e verificare se nello showroom siano state rispettate tutte le norme di sicurezza. Controlli che sicuramente, in attesa di responsi su quanto accaduto questa mattina a Milano, dovrebbero essere intensificati (non solo dalle forze dell'ordine e dagli organi preposti, ma anche dalle aziende e dagli stessi  lavoratori) in tutti i luoghi di lavoro. In Lombardia infatti si continua a morire a causa del lavoro: l'ultima tragedia, con due vittime travolte da un pesante cancello metallico, è avvenuta ieri a Pieve Emanuele, una località a pochi chilometri da Milano.